Si uccide in diretta su Skype. Gli utenti anonimi non potevano chiamare aiuto

Pubblicato il 5 Giugno 2012 - 15:32 OLTRE 6 MESI FA

Alcuni commenti sulla chat room di Trevor George

OMAHA (NEBRASKA, STATI UNITI) – Un’adolescente del Nebraska si è sparato un colpo in testa mentre faceva sfoggio di una pistola in una chat room su skype. Gli utenti shockati hanno assistito con orrore alla tragica scena. Trevor George, 19 anni, ha tirato fuori un revolver, lo ha portato fino alla testa e ha premuto il grilletto dinanzi agli occhi increduli di centinaia di utenti anonimi.

Dopo tre mesi di indagini, la polizia di Bellevue, alla periferia di Omaha, ha concluso che non si è trattato di un tragico incidente, bensì di un suicidio in piena regola. Dopo aver rintracciato e interrogato alcuni dei testimoni e aver visionato gli archivi informatici hanno inoltre appurato che il ragazzo non è stato istigato al suicidio.

La maggior parte delle persone connesse alla chat room non conosceva nemmeno il vero nome di George, o dove vivesse. E ciò ha reso praticamente impossibile qualsiasi tentativo di soccorsi. Senza considerare il fatto che alcuni dei testimoni contattati dalla polizia di Bellevue provengono dai quattro angoli della terra: dall’Australia, dal Canada, dall’Olanda e da qualche altra parte negli Stati Uniti.

Durante la diretta dell’agonia, un uomo della Florida che conosceva la vera identità di George e si era registrato alla chat room prima della sparatoria, ha segnalato l’accaduto alla polizia. Ha raccontato ai poliziotti di essersi loggato di nuovo la mattina seguente e ha trovato persone che commentavano l’evento devastante.

I genitori di George erano in casa al momento della sparatoria, ma non hanno avvertito il colpo e non erano a conoscenza della morte del figlio fino a quando gli ufficiali di polizia non sono hanno bussato alla loro porta, per verificare quanto denunciato nel rapporto dell’uomo della Florida.

Gli utenti avevano postato messaggi confusi sulla chat. “Strawman”, è il nome sulla schermata, ha scritto: “Ho parlato con lui nei suoi ultimi secondi. Non avevo capito che stesse morendo”. La polizia ha detto che George era uno studente stelle e non aveva manifestato sintomi di depressione o tendenze suicide.