Terremoti. Forte scossa nell’Oceano indiano, l’allarme tsunami rientra dopo poche ore

Pubblicato il 13 Giugno 2010 0:29 | Ultimo aggiornamento: 13 Giugno 2010 8:24

Un forte terremoto di magnitudo 7,5 ha colpito l’est dell’Oceano indiano, al largo delle isole Nicobare, facendo scattare alcuni allerta tsunami poi rientrati senza che fossero segnalati vittime o danni.

Il Centro di monitoraggio degli tsunami americano “Ptwc”, con sede alla Hawaii ma competente anche per l’Oceano indiano, verso le 21.30 ora italiana ha lanciato un’allerta per l’intera area includendo India, Indonesia, Sri Lanka, Birmania, Thailandia e Malaysia. L’allerta (“watch”), secondo livello su una scala di tre, è stato poi ridimensionato alla sola India ed infine cancellato poco più di due ore dopo.

La posizione dello Sri Lanka – grande isola posta di fronte alle Nicobare, anche se a rilevante distanza dall’altra parte del Golfo del Bengala, ha spinto le autorità a lanciare un proprio allerta tsunami considerando anche la possibilità di un’evacuazione poi divenuta superflua: “Non c’é stato alcun cambiamento significativo nel livello del mare”, ha riferito un funzionario dello Tsunami center indiano basato a Hyderabad.

La regione è memore del devastante tsunami che nel dicembre del 2004, a causa di un terremoto di magnitudo 9,1 avvenuto al largo di Sumatra, causò circa 226 mila morti in 13 paesi dell’area tra cui soprattutto Indonesia, Sri lanka, India e Thailandia.