Usa, morto John Miner, il procuratore che indagò sulla morte di Marilyn Monroe

Pubblicato il 4 Marzo 2011 - 08:10 OLTRE 6 MESI FA

Marilyn Monroe

LOS ANGELES – John Miner, l’ex procuratore di Los Angeles che indagò sulla morte di Marilyn Monroe nel 1962, e che sostenne la tesi dell’omicidio, è morto alla fine di febbraio. Lo ha reso noto il produttore e regista Keya Morgan, che lo ha intervistato per un documentario sulla morte dell’attrice.

Miner ”è morto il 25 febbraio in un ospedale di Los Angeles” all’età di 92 anni, ha detto Keya Morgan all’Afp. ”Era – ha aggiunto – il procuratore più leggendario di Los Angeles, non ne conosco uno di più famoso”.

Nel 2005 Miner rivelò il contenuto delle registrazioni di colloqui fra Marilyn e il suo psichiatra per mostrare che l’attrice non aveva intenzioni suicide.

Oltre all’inchiesta sulla morte di Marilyn, Miner fu uno dei rappresentanti della procura nei casi dell’uccisione di Bob Kennedy nel 1968 e delle stragi perpetrate a Los Angeles dai membri della ”Famiglia” di Charles Manson, tra le cui vittime vi fu anche l’attrice Sharon Tate, moglie del regista Roman Polanski.

[gmap]