Usa, strage al Virginia Tech: l’università multato per non aver dato subito l’allarme

Pubblicato il 30 Marzo 2011 16:22 | Ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2011 16:43

WASHINGTON – Virginia Tech, l’università teatro nel 2007 di una strage costata la vita a 32 persone, è stata multata di 55 mila dollari dal Ministero per l’Istruzione per non avere diffuso ”tempestivi ammonimenti” agli studenti su quanto stava accadendo nel campus.

Secondo il ministero, sarebbero state violate le norme che impongono ”allarmi tempestivi” quando un grave crimine è commesso nel campus.

Lo studente responsabile della strage uccise le prime due vittime alle 7.15 del mattino del 16 aprile 2007. I responsabili della scuola informarono gli studenti solo alle 9.26 che vi era stata una sparatoria nel campus senza precisare che il responsabile era ancora a piede libero.

Lo studente armato Seung Hui Cho uccise altre 30 persone, prima di suicidarsi, tra le 9.40 e le 9.51 del mattino. L’università intende presentare appello rispetto alla multa sostenendo di avere agito in modo corretto nel dare l’allarme.

[gmap]