Andrea Scanzi intervista Roberto D’Agostino: “Paolo Sorrentino non capisce Roma”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 dicembre 2013 19:07 | Ultimo aggiornamento: 29 dicembre 2013 19:08
Andrea Scanzi intervista Roberto D'Agostino: "Paolo Sorrentino non capisce Roma"

Andrea Scanzi intervista Roberto D’Agostino: “Paolo Sorrentino non capisce Roma”

ROMA –Roberto D’Agostino, fondatore del sito Dagospia, è stato intervistato da Andrea Scanzi sul Fatto Quotidiano. Dago ha criticato la Grande Bellezza di Paolo Sorrentino, film candidato anche al Premio Oscar.

Dice Dago:

La grande bellezza racconta la vita di una persona, i sogni e gli incubi del regista. Niente a che fare con la Roma vera. Una città molto più complicata.

E poi spiega meglio il concetto:

Complicata come?

Roma è una città a gambe sempre aperte. Sorrentino, un forestiero, credeva di poterla trombare, ma è stata Roma a trombare lui. Succede sempre così. Quanti politici sono entrati a Palazzo Chigi convinti di cambiarla? Quanti sindaci, da Veltroni a Marino, hanno promesso di migliorarla? Ci provano e ne escono con il cetriolo tra le gambe.

Poi spiega come ha aiutato Sorrentino a trarre ispirazione per il film:

Anche Sorrentino?

Aveva visto il mio libro sul Cafonal. Venne a trovarmi, disse che da quelle foto scattate da Pizzi poteva trarci un film. L’ho portato a tante feste, per fargli capire il clima. Non ci ha capito niente. ‘’La grande bellezza” è una pippa intellettualoide: le giraffe, la depressione, pure la spogliarellista di 50 anni. Ma de che? A 50 anni non la farebbe spogliare nessuno.

Dago sostiene che non è colpa di Sorrentino, ma che la romanità è qualcosa di più complesso:

Sa qual è l’intercalare più comune dei romani?

Sticazzi.

Appunto: “Sticazzi”. Oppure “Non me ne può frega’ de meno”. Perché? Perché siamo cinici. E diventiamo cinici perché conosciamo la differenza tra ciò che conta e ciò che non conta. Cosa vuoi che ce ne freghi di Letta o Renzi? Chi è Renzi? Nessuno. Che ce ne fotte.

E Sorrentino non l’ha capito.

Roma non è brutta come l’ha descritta lui: è peggio, molto peggio. Ci piace apposta. Come la New York degli anni Ottanta: di giorno si facevano di coca e di sera lavoravano. Pensa che stronzi. Invece i bassifondi erano affascinanti. Come quelli di Roma. La sua natura la capisci dalle piccole cose.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other