Come investire nei mercati “orfani” dei dollari Fed? Più azioni, meno bond

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Giugno 2013 8:49 | Ultimo aggiornamento: 21 Giugno 2013 8:49
Come investire nei mercati "orfani" dei dollari Fed? Più azioni, meno bond

Come investire nei mercati “orfani” dei dollari Fed? Più azioni, meno bond (LaPresse)

MILANO – Sarà un mondo con meno dollari quello annunciato dalla Federal Reserve (la banca centrale Usa), nel quale gli Stati Uniti avranno meno bisogno di acquistare bond e quindi di immettere liquidità nei mercati finanziari. Un mondo in cui si aprono nuove opportunità per gli investitori. Vediamo quali.

La prima è che meno dollari sul mercato potrebbe significare dollari più costosi. Non è un male per le aziende europee che esportano e che in questi anni hanno sofferto molto a causa dell’euro forte. Ma in realtà il cambio euro/dollaro si è da tempo stabilizzato sul rapporto di 1,30 dollari per 1 euro. Se la Bce non ha in mente mosse clamorose, tutto dovrebbe rimanere così com’è ancora per un bel po’.

È finita la pacchia delle obbligazioni: gli analisti affermano che l’anno prossimo difficilmente i rendimenti supereranno il 2-3%. Quindi? Bisogna puntare su investimenti a scadenze più brevi: Btp o Bonos a sei-dodici mesi o abbandonare il terreno dei bond.

Dovrebbe arrivare invece il momento buono per le azioni. La crisi è stata lunga ma ha costretto le aziende a ridurre debiti, sprechi e inefficienze. Dagli Stati Uniti sta arrivando un vento di ripresa che potrebbe scuotere anche la vecchia Europa. Se cambia il vento e cambia il “sentiment”, una folata di ottimismo potrebbe indurre i mercati a tornare a puntare sui titoli che hanno più sofferto il ciclo economico negativo: banche, materie prime e industrie. A quel punto i migliori affari si faranno in Borsa.