Gasdotti fusi. Unire il Nabucco con la rete italo-turca Itgi: l’obiettivo Ue

Pubblicato il 21 Febbraio 2011 16:56 | Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio 2011 17:08

BRUXELLES – L’Europa spinge per la fusione dei gasdotti: il progetto è quello di unire il Nabucco con la rete italo-turca Itgi. Da un lato quindi c’è la linea che passa dalla Turchia all’Austria, dall’altro quella che passa da Anatolia e Grecia e c’è dentro l’Edison.

L’obiettivo di Bruxelles sarebbe quello di garantire le forniture di gas dall’Azerbaigian verso l’Europa.  Un portavoce del consorzio Nabucco, che ha la sede a Vienna, ha detto che “non ci sono colloqui concreti” per una potenziale cooperazione con il più piccolo progetto, Itgi.

“Ci sono discussioni a livello politico… ma su questo non ci sono colloqui nel consorzio”, ha aggiunto. Il Nabucco, fortemente voluto dalla Ue, dovrebbe trasportare 31 miliardi di metri cubi di gas proveniete dall’Asia centrale nella parte orientale della Turchia, attraversando Romania, Bulgaria e Ungheria. Scopo finale sarebbe dunque quello di staccarsi o almeno allontanarsi da Mosca che fornisce circa un quarto  quarto del fabbisogno di gas Ue.

L’Italia, dal canto suo, ha rapporti ottimi con la Russia e come ha detto il ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani Roma è “fortemente interessata alla rete con la Russia”.