Incentivi statali, pronti 310 milioni: si va dagli elettrodomestici a computer e scooter

Pubblicato il 15 Marzo 2010 12:25 | Ultimo aggiornamento: 15 Marzo 2010 12:25

Il ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola con quello dell'Economia Giulio Tremonti

Il governo destinerà circa 310 milioni di euro al Fondo unico per gli incentivi. Le risorse saranno ripartite in questo modo: 216 milioni andranno ad un primo comparto che comprende motorini elettrici o ibridi, elettrodomestici e cucine componibili, abitazioni ad alta efficienza energetica e i computer.

Poi ci sono 71 milioni che andranno ad un nuovo comparto: questi soldi saranno destinati ai motori per nautica da diporto, rimorchi, semirimorchi, macchine per uso agricolo e gru per l’edilizia.

Infine 16 milioni dovrebbero andare a agevolazioni per chi effettua investimenti pubblicitari incrementali. Resterebbero scoperti 6 o 7 milioni, che saranno assegnati ad altri settori nei prossimi giorni.

La misura è stata studiata dal ministero dell’Economia  e da quello dello Sviluppo Economico. Nei prossimi giorni il Consiglio dei ministri dovrebbe emanare un primo decreto che stabilisca la costituzione del Fondo unico per gli incentivi e i tre macrocomparti d’intervento. Poi sarà necessario un decreto attuativo che ripartirà le risorse settore per settore.