La lotta all’evasione fiscale frutta 7,5 miliardi nel 2009

Pubblicato il 30 Dicembre 2009 18:46 | Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre 2009 18:46

La lotta all’evasione “paga” e ha permesso di far rientrare nelle casse dello Stato ben 7,5 miliardi di euro quest’anno. Per farsi un’idea si tratta di poco meno del valore dell’impatto dell’intera manovra economica per il 2010 (circa 9 miliardi). E circa il doppio di quanto incassato dall’erario con l’operazione scudo fiscale. Il dato è stato reso noto da Equitalia, che ha fornito il risultato della riscossione da ruoli nel corso dell’anno con una proiezione fino a domani, 31 dicembre.

Un buon risultato dunque, aiutato anche dalla possibilità di estinguere le proprie pendenze con il fisco attraverso la rateizzazione del debito. Possibilità alla quale ricorrono sempre più contribuenti: oltre 400mila quest’anno. «Il gruppo Equitalia – spiega una nota diffusa oggi – mette a segno un nuovo, importante risultato nella lotta all’evasione. I dati proiettati a fine anno sull’andamento delle riscossioni da ruolo indicano un incremento complessivo del 7,5% medio rispetto al corrispondente dato del 2008, e del 12% sul 2007».

La previsione del valore recuperato al 31 dicembre di quest’anno «si attesta così a oltre 7,5 miliardi, che corrispondono all’importo recuperato dei tributi non pagati dai contribuenti ma dovuti ai vari enti impositori (ruoli erariali, ruoli previdenziali e ruoli di enti non statali)».

Da Equitalia segnalano inoltre anche l’incremento del 13,3%, rispetto al 2008, delle riscossioni riguardanti le grandi morosità (debiti oltre 500 mila euro). Dalla società spiegano poi quale sia stato il contributo delle rateizzazioni: «il risultato positivo, maturato tra l’altro in un momento di congiuntura economica sfavorevole, è stato conseguito anche grazie allo strumento delle rateazioni delle cartelle, che ha consentito ai contribuenti in difficoltà di regolarizzare la propria posizione con il fisco».

Nel 2009 sono state concesse 445 mila rateazioni (+155% sul 2008). In totale le dilazioni di pagamento hanno raggiunto quota 620 mila, per un importo di oltre 10 miliardi di euro. Tra le regioni nelle quali si rateizza di più ci sono, in testa, il Lazio (58.970 rateizzazioni concesse nel 2009), la Campania (57.357) e la Lombardia (54.118). «I dati sull’andamento delle riscossioni da ruolo rappresentano un significativo contributo del gruppo Equitalia alla collettività – commenta il direttore generale di Equitalia spa, Marco Cuccagna – L’incremento degli incassi dei tributi non pagati, soprattutto in una fase di Pil negativo, va a tutto vantaggio dei cittadini che pagano regolarmente le tasse».