Pensioni. Rimborsi parziali ma Bruxelles vigila: deficit non si tocca

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Maggio 2015 9:46 | Ultimo aggiornamento: 11 Maggio 2015 9:46
Pensioni. Rimborsi parziali ma Bruxelles vigila: deficit non si tocca

Pensioni. Rimborsi parziali ma Bruxelles vigila: deficit non si tocca

ROMA – Il deficit 2015 resterà quest’anno al 2,6%, l’obiettivo programmatico indicato nel Def. Non un decimale di più nemmeno per i rimborsi sulle mancate indicizzazioni delle pensioni, anche perché Bruxelles ha avvisato l’Italia che riceverà una raccomandazione vincolante proprio su questo punto. Niente sforamenti altrimenti addio alla flessibilità sul rientro del debito.

L’aumento delle pensioni superiori a 1.500 euro lordi al mese, legato al recupero dell’inflazione, potrebbe invece arrivare tra giugno e luglio, segnala Andrea Bassi sul Messaggero. L’idea potrebbe quindi essere quella di rivedere al ribasso anche il meccanismo Letta che ad oggi assicura un adeguamento al 95% per i trattamenti tra 1.500 e 2.000 euro, al 75% tra i 2.000 e i 2.500, al 50% tra i 2.500 e i 3.000 euro e al 45% oltre i 3.000 euro (sei volte il minimo).

La soluzione che il governo sta identificando per adeguarsi alla sentenza della Corte Costituzionale sulle pensioni non avrà infatti impatto sugli impegni presi poco meno di un mese fa in materia di conti pubblici nel Documento di economia e finanza. Stefania Tamburello sul Corriere della Sera descrive la via stretta rimasta al Governo per la restituzione.

Le percentuali di restituzione della perequazione non sono state ancora decise, i tecnici ci stanno ancora lavorando, attenti al quadro complessivo dei conti, ma nel totale lo Stato verserà un rimborso parziale. Una tantum. Senza immaginare una successiva rateizzazione per il residuo. La quota restituita, riferita al biennio 2012-2013, si cumulerà e farà da base alle perequazioni degli anni successivi. I pensionati interessati quindi si vedranno rivalutati i rispettivi assegni non solo per il passato ma anche per il futuro. (Stefania Tamburrello).

La garanzia assoluta del rispetto dei parametri Ue arriva direttamente da fonti del ministero dell’Economia: da Bruxelles è trapelata la notizia della possibile messa sotto “monitoraggio” dell’Italia da parte della Commissione. Nelle prossime raccomandazioni in arrivo mercoledì 13 maggio, l’Europa potrebbe infatti arrivare a condizionare alla soluzione del problema pensioni il via libera all’uso della flessibilità richiesto dall’Italia per attenuare la regola del debito e il percorso di rientro del deficit strutturale, ovvero potrà fare una correzione strutturale dello 0,1% del pil anziché dello 0,5%.

Un’eventualità in cui il governo non vuole in nessun modo incappare. Quello di dover rispettare alla lettera le regole rigide del fiscal compact, senza poter in nessun modo sfruttare le opportunità offerte dalla nuova comunicazione sulla flessibilità, è un rischio che costerebbe troppo, decine di miliardi, e che quindi va assolutamente evitato.

Tradotto in cifre, questo significa però che le risorse per la copertura dell’operazione indicizzazione dovranno essere trovate almeno in parte altrove. Al massimo potrà essere sfruttato il tesoretto da 1,6 miliardi, già previsto proprio nel quadro programmatico. Ma per il resto si dovrà guardare ad altre forme di copertura. Come più volte ribadito da Pier Carlo Padoan, il governo tenterà comunque di minimizzare al massimo l’impatto sui conti pubblici che dovrebbe essere di molto inferiore anche alle ipotesi finora circolate di 4-5 miliardi.

Per questo l’indicizzazione non sarà per tutti e non sarà per tutti uguale. Il decreto per la rivalutazione delle pensioni, che arriverà probabilmente venerdì sul tavolo del consiglio dei ministri, conterrà infatti gli adeguamenti per il passato, ma anche rimodulazioni per il futuro – a quanto pare al ribasso – delle soglie stabilite dal governo Letta nella legge di stabilità 2014.

Basandosi sui criteri di progressività e temporaneità messi a fuoco dai giudici, il testo sarà ispirato alla gradualità sia negli arretrati che nei trattamenti a venire. L’obiettivo sarà quello di modulare l’indicizzazione all’inflazione per fasce di reddito pensionistico. Gli assegni più bassi saranno tutelati, probabilmente con la fissazione per la rivalutazione al 100% di un’asticella più alta di quella pari a 3 volte il minimo. Gli assegni più alti rientreranno invece in un decalage progressivo, che arriverà – si ipotizza – all’esclusione totale delle pensioni più cospicue, sulle quali la Corte non avrebbe nulla da eccepire nel caso di eventuali ricorsi futuri.