--

Sea, la Provincia di Milano accetta l’offerta F2i per il suo 14,5%

Pubblicato il 27 Dicembre 2012 19:57 | Ultimo aggiornamento: 27 Dicembre 2012 20:57
Sea, la Provincia di Milano accetta l'offerta di F2i per il suo 14,5%

Il presidente della Provincia di Milano, Guido Podestà (Foto Lapresse)

MILANO – Asam, la holding della Provincia di Milano, ha accettato l’offerta di F2i per una quota del 14,56% in Sea: l’offerta prevede un prezzo di 4,039 euro per azione contro i 4,4 richiesti inizialmente da Asam.

F2i, che già possiede il 29,75% della Sea (la società di gestione degli aeroporti di Linate e Malpensa), nelle scorse settimane ha ritirato la quotazione in Borsa.

Quella a 4,039 euro ad azione era l’unica offerta presentata da F2i per il 14,5% del gruppo aeroportuale messo all’asta dalla Provincia di Milano.

L’offerta di F2i non è lontanissima dai massimi della ‘forchetta’ di prezzo (tra 3,2 e 4,3 euro) che era stata stabilita per la mancata quotazione in Borsa della società aeroportuale.

F2i sale quindi al 44,3% di Sea e diventa secondo azionista dopo il Comune di Milano, che è al 54,81%.

Soddisfatto dell’operazione il presidente della Provincia di Milano, Guido Podestà: ”Mi sembra che abbiamo lavorato bene a tutti i livelli, ha detto, e in una condizione non facile”. Con due soci di maggioranza, il Comune e il fondo F2i, infatti, ”si rischia di essere un vaso di coccio e noi ne veniamo fuori in modo positivo”. I soldi serviranno adesso per non sforare il patto di stabilità, per fare opere ”e pagare i fornitori”.