Spread Btp-Bund oscilla tra 450 a 480. Borse positive dopo il discorso di Draghi

Pubblicato il 27 luglio 2012 8:33 | Ultimo aggiornamento: 27 luglio 2012 13:10
mario_draghi_superpiano_ue_bce

Mario Draghi (LaPresse)

ROMA – Lo spread tra btp italiani e bund tedeschi ha aperto in ribasso, segnango 459 punti la mattina del 27 luglio, con rendimento al 5,92%. Il differenziale ha poi raggiunto i 482 punti dopo l’annuncio dei risultati dell’asta Bot a 6 mesi, per calare poi a 450,6 punti con rendimento del 5,87%. Il 26 luglio lo spread aveva chiuso a 473 punti.

Il differenziale tra bonos spagnoli e bund tedeschi è sceso a 535,5 dai 541 punti segnati in apertura.

Piazza Affari ha aperto in rialzo, ma poi si appiattisce con gli indici che si muovono incerti: Il Fste Mib cede lo 0,20% a 13.185 punti. A guidare il calo Impregilo (-2,06%), seguita da A2a (-1,78%), Luxottica (-1,88%), Mediaset (-1,71%). Sempre ben comprata, invece, Pirelli (+4,37%).

Il Tesoro ha collocato Bot a sei mesi per 8,5 miliardi di euro, il target massimo previsto, registrando un calo di mezzo punto dei tassi. Il rendimento medio e’ sceso al 2,454% dal 2,957% di giugno. Buona la domanda pari a 13,7 miliardi.

L’effetto del discorso di Mario Draghi sul salvataggio dell’euro ha spinto al rialzo le Borse di Asia e Pacifico, che il 27 luglio chiudono in positivo. I listini archiviano il miglior andamento del mese dopo che i mercati europei hanno avuto una boccata d’ossigeno il 26 luglio con il presidente della Bce.

Parole accolte anche, con un certo favore, dal ministro delle Finanze del Giappone, Jun Azumi. Il deprezzamento della moneta unica europea, negli ultimi giorni, nei confronti dello yen e’ motivo di non poca preoccupazione per la terza economia mondiale. L’indice d’area Msci guadagna cosi’ oltre due punti e mezzo con Tokyo sul punto e mezzo con Jfe, il secondo produttore d’acciaio nipponico che sale del 7% dopo che ha piu’ che raddoppiato i profitti del primo trimestre. Ben comprate anche Nippon Steel (+6,67%), Mazda (+5,6%), Toshiba (+4,9%).

”La Banca centrale europea ha dato qualche speranza al mercato che ora si aspetta un ulteriore allentamento”, spiega a Bloomberg Ben Kwong chief operating officer di Kgi Asia, broker con base ad Hong Kong. Per la giornata odierna le Piazze finanziarie guardano agli Stati Uniti e ai dati, nel primo pomeriggio, sul prodotto interno lordo.