Volkswagen cerca finanziamento ponte da 20 miliardi

di redazione Blitz
Pubblicato il 13 Novembre 2015 19:51 | Ultimo aggiornamento: 13 Novembre 2015 19:51
Volkswagen cerca finanziamento ponte da 20 miliardi

(Foto d’archivio)

NEW YORK – La Volkswagen cerca un finanziamento ponte da 20 miliardi di euro per affrontare la crisi delle emissioni diesel. Secondo la notizia riportata da Bloomberg l’azienda non avrebbe bisogno immediato di fondi ma il finanziamento ponte servirebbe a creare un cuscinetto finanziario. Intanto oggi sono usciti i dati sulle vendite di ottobre con un calo per la compagnia del 5,3%: il dieselgate comincia a pesare.

Volkswagen si augura di mettere insieme i 20 miliardi di euro per la fine dell’anno e avvierà gli incontri con una decina di potenziali banche lunedì nella propria sede. ”Abbiamo sempre considerato che un portafoglio diversificato di strumenti di finanziamento offra la necessaria flessibilità per offrire appropriate e competitive opzioni di finanziamento di nostri clienti e alle nostre necessita’ di investimenti industriali – ha spiegato una fonte Volkswagen a Bloomberg, senza entrare nel dettaglio – è perfettamente normale che sia in corso un dialogo costruttivo”.

A ottobre intanto si sono registrati i primi effetti negativi dello scandalo dieselgate sulle vendite di auto Volkswagen. Nel mese le immatricolazioni col brand tedesco hanno segnato infatti una flessione del 5,3% rispetto a ottobre 2014 a 490.000 unità a livello globale, mentre nei primi dieci mesi dell’anno hanno registrato un calo del 4,7% a 4,84 milioni di vetture.

Volkswagen “sta attraversando tempi duri”, ha detto il responsabile marketing e vendite del brand, Juergen Stackmann. “Non dobbiamo far fronte solo alla vicenda delle emissioni manipolate – ha aggiunto -, ma anche ad una situazione difficile sui mercati mondiali”, riferendosi in particolare a Russia e Brasile. Su questi due mercati infatti le immatricolazioni auto della casa tedesca sono crollate, rispettivamente del 26% e del 50%. In Europa invece sono scese dell’1,1%, con una flessione dell’1,3% in Europa occidentale, piccoli aumenti in Italia, Spagna e Germania ed un rialzo dello 0,5% in Europa centrale e Orientale. Le vendite in Cina del brand Volkswagen sono invece aumentate dell’1,8% e in Nord America del 3,5%.

“L’intero gruppo sta lavorando per ripristinare la fiducia dei nostri clienti nel brand e nei nostri prodotti. Assisteremo ogni singolo cliente”, ha aggiunto Stackmann.

Intanto la casa di Wolfsburg ha deciso di sospendere l’emissione di Bond per finanziarsi in attesa di valutare i costi che dovrà affrontare per lo scandalo dei test sulle emissioni. In una nota ha spiegato che “ha bisogno di tempo” per aggiornare la documentazione necessaria a programmare il piano di finanziamento che tenga conto delle possibili multe e sanzioni penali. Per quest’anno Volkswagen ha Bond in scadenza per 2,57 miliardi di euro, altri 14,3 miliardi nel 2016 e 13,5 miliardi nel 2017.