In aumento gli esorcismi in Messico, il paese in guerra col demonio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Novembre 2013 13:07 | Ultimo aggiornamento: 26 Novembre 2013 13:07

CITTA’ DEL MESSICO – Il Messico in guerra contro il demonio. Dal 2006, come si racconta in un’inchiesta della BBC (“The country where exorcisms are on the rise“), in Messico sono in netto aumento gli esorcismi. Molti legano questo aumento al culto di Santa Muerte altri invece trovano un legame tra gli esorcismi e la larga diffusione della droga e alla guerra tra bande di narcos che dal 2006 ad oggi ha travolto il paese causando circa 70mila vittime.

L'infulenza dei "cartelli della droga", la mappa della BBC

L’infulenza dei “cartelli della droga”, la mappa della BBC

Ne è convinto per esempio padre Carlos Triana, prete ed esorcista a Città del Messico. Che alla Bbc racconta: “Crediamo che dietro tutti questi grandi mali vi sia un agente oscuro e il suo nome è demonio. Il Signore vuole avere qui un ministero per l’esorcismo e la liberazione, la guerra contro il Diavol”» . E aggiunge “Riteniamo  che il diavolo si nascondeva dietro Hitler, possedendolo e guidandolo, e crediamo che si nasconda anche dietro i cartelli della droga”.

” Nella maggior parte dei casi – spiega il sacerdote – si tratta di una forma minore di esorcismo, che si limita alle preghiere di liberazione, ritenute efficaci nel caso in cui lo spirito maligno controlli solo una parte del corpo o della mente. Solo raramente – continua Bautista – una persona viene completamente posseduta e in quel caso è il vescovo a dover intervenire. C’è un’infestazione di demoni in Messico, perché abbiamo aperto le nostre porte alla morte”.

Il culto di "Santa Muerte"

Il culto di “Santa Muerte”