Costa Concordia: ecco com’è la nave dopo 20 mesi sott’acqua. Foto-racconto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 settembre 2013 12:39 | Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2013 12:39

ISOLA DEL GIGLIO – Costa Concordia, un ammasso di lamiere arrugginite per circa due terzi della nave. Una crociera bianca nel restante terzo. Dopo 20 mesi sott’acqua, ecco cosa rimane della crociera naufragata davanti all’Isola del Giglio nel gennaio del 2012.

La prua è ancora bianca: è la parte che è rimasta fuori dall’acqua. Man mano che la Concordia è stata tirata su, è venuta a galla la nave nascosta. Quella che per 20 mesi è rimasta negli abissi, inondata dall’acqua e abitata da animali marini. Quello che oggi è un ammasso di ruggine.

Le pareti un tempo bianche adesso sono tra l’amaranto e il marrone. Le cabine hanno i vetri sfondati, tende e letti alla rinfusa. E poi sedie, pannelli rivoltati, la struttura piegata su se stessa.

La Concordia nascosta che esce dall’acqua è un mostro che svela il dramma che si è consumato quella notte e i giorni successivi: la ricerca dei dispersi, i tanti morti (troppi), la disperazione di chi c’era.

Adesso rivederla così, consumata e logora, farà rivivere quei terribili momenti: c’è chi dirà “ecco la mia cabina”, “il ristorante dov’ero quando ci fu l’allarme” e così via. I segni della tragedia, di nuovo visibili, riapriranno ferite che forse non si sono mai rimarginate.