Il Fatto Quotidiano, 29 maggio: “Il calcio in galera”, “Il partito Fiom”

Pubblicato il 29 Maggio 2012 0:01 | Ultimo aggiornamento: 29 Maggio 2012 0:10

ROMA – “Il calcio in galera”: Il Fatto Quotidiano del 29 maggio apre con il terremoto causato dagli arresti e le indagini del calcio scommesse. Titolo a caratteri cubitali, seguito dalle spiegazioni: “Gli arresti di Mauri e Milanetto, l’associazione a delinquere contestata a Conte, l’irruzione della polizia a Coverciano(dove si tiene il ritiro della Nazionale in vista degli Europei, ndr)”. Morale della favola: “Le indagini sulle scommesse distruggono il giocattolo”.

Seguono foto gigante dell’arresto del giocatore della Lazio, Stefano Mauri e altre spiegazioni relative alle ordinanze del gip di Cremona, Guido Salvini.

Di spalla il solito editoriale di Marco Travaglio: stavolta il giornalista piemontese se la prende con il governo Monti, “reo”, a suo dire, di voler riformare il Consiglio Superiore della Magistratura in chiave molto “politica” e poco “tecnica”.

A metà pagina una notizia che avrebbe del clamoroso: secondo Il Fatto la Fiom starebbe pensando di scendere in politica con un proprio partito, travalicando così il tradizionale confine tra partiti e sindacati.

Altra “chicca” del giornale diretto da Antonio Padellaro riguarda una parte dello scandalo sanità che si è abbattuto sulla Regione Lombardia. Il Fatto pubblica infatti la foto di una villa comprata da Alberto Perego in Costa Smeralda. Titolo del fatto: “Ecco la villa di Perego pagata a metà dall’amico Formigoni”.