Fedez e Chiara Ferragni postano ecografia del figlio. Social prima di nascere…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 novembre 2017 10:35 | Ultimo aggiornamento: 21 novembre 2017 10:36
fedez-ferragni-ecografia

Social prima di nascere: l’ecografia del feto di Fedez-Ferragni

ROMA – Fedez e Chiara Ferragni postano ecografia del figlio. Social prima di nascere… Mani delicatamente appoggiate su una sequenza fotografica che riprende una vita in formazione all’interno del ventre materno: è l’immagine postata sui rispettivi profili Instagram da parte del cantante e rapper Fedez e della sua compagna e fashion blogger Chiara Ferragni.

E’ l’ecografia del nascituro, si chiamerà Leone, il figlio in arrivo della coppia più social del momento. Dunque Leone, ancor prima di aver emesso il suo primo vagito, molto prima che l’anagrafe ne annunci la presenza nel mondo, ha già un’identità social, una riconoscibilità digitale. D’altra parte i due divi sono accreditati della reputazione di “influencer”, fanno tendenza cioè. E il romanzo social della loro vita, una specie di reality in progress, non poteva non comprendere le gioie e le fatiche della genitorialità incipiente.

Nonostante qualche inevitabile critica o commento poco lusinghiero per la divulgazione di eventi intimi prima che privati, il post di “Raviolino” ha ricevuto 533mila cuoricini, 3545 commenti. Un suffragio positivo, un “like” collettivo che non ammette repliche (se non che i social sembrano dimenticare i milioni che semplicemente hanno altro da fare rispetto al dover scegliere in quale verso girare il pollice). L’esordio dell’ecografia come manifestazione anticipata del sé induce comunque più di una riflessione.

La data di nascita che segna l’identità anagrafica di un cittadino va spostata alla sua venuta al mondo o alla sua prima condivisione su Instagram? Il nostro diritto alla privacy inizia dall’età della ragione o dalla ragionevolezza dei nostri genitori nel risparmiarci la pubblica esposizione, quando ancora non siamo completamente formati nel nostro aspetto fisico? E per ultimo…Quale categoria di sponsor di abbigliamento o accessori potrebbe investire su un feto, necessariamente nudo senza orologio e senza tatuaggi? (Gianluca Nicoletti, La Stampa)