India, vive per due mesi con un proiettile ad un millimetro dal cuore FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 settembre 2014 15:11 | Ultimo aggiornamento: 26 settembre 2014 15:11

ROMA – Bharat Sharma è un indiano che vive nella regione dell’Uttar Pradesh. L’uomo, 32 anni, si è trovato coinvolto in una rapina mentre era in banca. Sharma, impiegato in un’azienda locale, nel momento della rapina stava depositando assegni per conto dell’ufficio ed è stato colpito da due proiettili calibro 20 sparati dai rapinatori: uno di questi colpi gli si è conficcato proprio nel cuore.

I medici dell’ospedale locale hanno rimosso l’altro proiettile e si sono rifiutati di toccare il cuore dell’uomo per paura che l’operazione gli sarebbe stata fatale. Bharat Sharma ha così dovuto girare per due mesi prima di trovare un ospedale che si prendesse la responsabilità di operarlo per rimuovere l’altro proiettile.

Gli ospedali si rifiutavano di operarlo anche perché l’uomo stava per sposarsi. Tutti avevano paura di compiere un’operazione che si sarebbe potuta rivelare fatale. All0 stesso tempo però, il ragazzo ha rischiato di morire in ogni momento.

Una volta trovato l’ospedale, ‘operazione è durata tre ore e il proiettile, hanno fatto sapere i medici, era a solo un millimetro dal punto in cui avrebbe potuto uccidere Sharma. L’uomo ha ora ha deciso di conservare il proiettile per ricordarsi che per mesi è stato a solo un millimetro dalla morte.