Ruba cane e lo tinge di nero ma proprietario lo riconosce

di redazione Blitz
Pubblicato il 23 Settembre 2015 14:25 | Ultimo aggiornamento: 23 Settembre 2015 14:25

SEATTLE – L’ha riconosciuta nonostante le avessero tinto il pelo di nero, nel tentativo di far perdere le sue tracce. Così la piccola Waffles, una cucciola di Cairn Terrier originariamente grigia e bionda, è stata sottratta ai suoi presunti rapitori ed è tornata ad abbracciare la sua famiglia. La storia viene da Seattle, dove Waffles vive insieme al suo proprietario Robert Lucier e i suoi due figli di 6 e 11 anni.

Una settimana fa la cagnolina era stata lasciata legata fuori da un negozio: nel giro di pochi minuti era svanita nel nulla. La famiglia disperata aveva tappezzato di manifesti e volantini la città e dopo quattro giorni di ricerche senza sosta ha ricevuto una segnalazione. Una donna, presumibilmente una senza tetto, era stata avvistata in un bagno pubblico del Seattle Center, mentre lavava via il colore a una cagnolina che somigliava a Waffles.

Robert Lucier si è precipitato sul posto, allertando anche la polizia. Quando ha provato a chiamarla per nome la cagnolina è subito corsa da lui. Ma la donna ha continuato a negare il rapimento rifiutandosi di restituirla. Fortuna che Waffles era dotata di microchip sottocutaneo che ha permesso di identificarla senza ulteriori indugi. Ora è tornata a casa e, a parte qualche ciuffo di colore più scuro, sta bene.