“Ha copiato iPhone di Apple, paghi 1,05mld di danni”. Samsung: “Faremo ricorso”

Pubblicato il 25 agosto 2012 1:47 | Ultimo aggiornamento: 25 agosto 2012 14:09

Apple batte Samsung nella guerra dei brevettiSAN JOSE (CALIFORNIA, STATI UNITI) – Samsung ha infranto volontariamente almeno tre brevetti di Apple. Così i giurati di San Jose hanno proclamato Apple vincitrice del processo del secolo, riconoscendole la paternità di alcune tecnologie, del design e di alcune peculiarità dell’interfaccia utente. I coreani sono accusati di aver violato i brevetti della mela nella progettazione dei loro smartphone. I giudici hanno fissato una cifra di indennizzo: dovrà pagare ad Apple 1,05 miliardi di dollari di danni. Ma Samsung non ci sta ed annuncia: “Faremo ricorso”.

Il processo, chiuso nei giorni scorsi dopo il fallito tentativo di un accordo al fotofinish fra le due società, ha rappresentato per tutto questo tempo, una sorta di bilancia del potere nell’industria della telefonia. E la sentenza seppur complessa in virtù della molteplicità di brevetti e prodotti coinvolti, parla sufficientemente chiaro: Samsung ha violato in molti casi la proprietà intellettuale Apple e per questo motivo dovrà ora ricorrere in appello per tentare di evitare una gravosa ricaduta sul destino dei propri prodotti.

Tutto cominciò con Steve Jobs, il 15 aprile 2011, che chiese il ritiro dal mercato di molti prodotti del colosso coreano. Apple accusa Samsung di aver copiato il design dell’iPhone e dell’iPad e chiede 2,5 miliardi di dollari di danni. Samsung da parte sua accusa Apple di aver infranto dei suoi brevetti e chiede 422 milioni di dollari. Ad ogni modo, secondo i giudici di San Jose, è bene sottolinearlo, Samsung non ha infranto, con il Galaxy Tab 10.1, il brevetto sul design dell’iPad.

Mentre in territorio smartphone, dallo scroll al multitouch, passando per il tap-to-zoom: le richieste Apple sono state accolte nella quasi totalità dei casi. Decisamente più severi i giudici di San Jose, rispetto ai coreani, se si considera che il verdetto giunge a poche ore da quello della Corte di Seul in una materia simile, che ha invece sancito un pareggio, stabilendo il ritiro dal mercato di alcuni prodotti di entrambe le aziende.

REAZIONE DI APPLE – ”Un messaggio forte e chiaro: rubare non è giusto”. Apple accoglie così, riporta Bloomberg, il verdetto della giuria incaricata di deliberare sul processo del secolo.

SAMSUNG ANNUNCIA RICORSO – Un messaggio che la Samsung invece non ha apprezzato, annunciando a breve un ricorso. La coreana ritiene che il verdetto della giuria sia una ”perdita per i consumatori americani” e si tradurrà in meno scelta e innovazione e poi aggiunge: “Quella della giuria non è l’ultima parola”.

La Samsung ha annunciato così il suo ricorso: “Agiremo subito, depositando un ricorso per ribaltare questa decisione e se non ci riusciremo faremo appello”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other