Cellulari, proposta Ue: “Via costi roaming, regole e tariffe uguali per tutti”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 settembre 2013 14:38 | Ultimo aggiornamento: 10 settembre 2013 14:38
Cellulari, proposta Ue: "Via costi roaming, regole e tariffe uguali per tutti"

Neelie Kroes (Foto Lapresse)

BRUXELLES – Un mercato unico dell’Unione europea per le telecomunicazioni, con regole e tariffe comuni per tutti i Paesi: è la proposta del commissario europeo alla concorrenza Neelie Kroes, di cui scrive Alessandro Longo su Repubblica.

Tra le novità più attese dai consumatori c’è l’abolizione dei costi extra di roaming. In base alla proposta di legge da luglio 2016 usare il telefono cellulare in un Paese Ue diverso da quello di residenza dovrà costare quanto nel proprio.

Scopo della nuova direttiva di Bruxelles è dare certezze agli operatori telefonici e agli utenti, ma anche promuovere la nascita di grandi operatori europei che possano competere a livello internazionale.

L’altro lato della medaglia è che, mentre il potere della Commissione europea aumenterà, diminuirà quello delle Authority nazionali delle telecomunicazioni, come lAgcom in Italia. Proprio a loro Bruxelles potrà chiedere di ritirare alcuni obblighi imposti agli operatori se divergenti rispetto alle normative di altri Paesi Ue.

Una delle proposte di Kroes che verrano presentate l’11 settembre (e anticipate da Repubblica) riguarda l’armonizzazione delle regole che permettono agli operatori di usare la rete dell’ex monopolista, in Italia Telecom. La proposta di Kroes mira a garantire agli ex monopolisti prezzi stabili per permettere ai concorrenti di accedere alla rete in rame. 

Proprio in questo ambito lo scorso luglio Agcom ha tagliato i prezzi, e Bruxelles le ha chiesto di rivedere questa decisione. Ma se passerà la nuova normativa la richiesta passerà da invito ad imperativo.