Google e Twitter, accordo: cinguettii tra i risultati delle ricerche

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Febbraio 2015 14:34 | Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio 2015 14:34
Google e Twitter, accordo: cinguettii tra le ricerche

Google e Twitter, accordo: cinguettii tra le ricerche

ROMA – Google e Twitter ci riprovano: via a un nuovo accordo che permetterà ai miliardi di cinguetti prodotti dagli utenti dei social network di finire immediatamente indicizzati nel motore di ricerca.

L’intesa sarebbe stata raggiunta già ieri 4 febbraio: quello che manca, per il momento, è l’annuncio ufficiale da parte dei due colossi.

Google e Twitter ci avevano già provato cinque anni fa. Allora, però, le cose andarono male e l’accordo fu accantonato dopo due anni non entusiasmanti.

Perché non funzionò lo spesa il Sole 24 Ore:

In realtà i dissidi riguardavano anche la visualizzazione dei tweet sulla pagina dei risultati del motore di ricerca e l’utilizzo dei risultati da parte di Google: Twitter voleva soltanto che i messaggi finissero nella pagina dei risultati, mentre il motore di ricerca chiedeva che questi fossero integrati in maniera organica in tutti i suoi prodotti, a partire dal social network Google Plus.

Con il nuovo accordo dalla prima metà del 2015 i tweet inizieranno a comparire sul motore di ricerca non appena saranno postati dai 284 milioni di utenti del microblog, grazie a un’intesa che dà a Google l’accesso al database dei cinguettii. Con la mossa Twitter punta a incrementare il traffico e di conseguenza le entrate pubblicitarie. Comparire tra i risultati delle ricerche su Google, infatti, dovrebbe consentire di portare più internauti sul microblog. Dal canto suo, la compagnia di Mountain View potrà indicizzare milioni di cinguettii non appena saranno pubblicati dagli utenti.