“Ragion di Stato del Quirinale, Consulta processa Ingroia”: la prima del Fatto

Pubblicato il 31 luglio 2012 2:39 | Ultimo aggiornamento: 31 luglio 2012 2:39

La prima pagina del Fatto Quotidiano del 31 luglioROMA – Il Fatto Quotidiano del 31 luglio dedica la prima pagina a “La Ragion di Stato del Quirinale, la Consulta processa Ingroia”, parlando delle intercettazioni delle telefonate tra Giorgio Napolitano e Nicola Mancino. Il quotidiano spiega che il Colle “formalizza l’attacco alla Procura di Palermo che indaga sulla trattativa fra lo Stato e la mafia. Nessuno deve sapere”.

Prima pagina anche per le dichiarazioni di Milena Gabanelli, conduttrice di Report su Rai 3, che si è schierata contro la legge bavaglio dichiarando: “Usare i morti è meschino”.

Marco Tavaglio invece dedica il suo editoriale a Eugenio Scalfari, richiamando la “deontologia e completezza dell’informazione” proprie di un giornale e discutendo di come la stampa parli dell’indagine della Procura di Palermo sulla trattativa tra Stato e mafia nel suo “Codex Scalfarianus”.

Una prima pagina che vede protagoniste anche le dichiarazioni di Napolitano sulle elezioni: un “decido io” che è il messaggio arrivato “dopo lo strappo del Pdl” e le contrarietà del Pd. Il Fatto sottolinea che “i sondaggisti” sono pronti a disertare le urne, mentre Antonio Di Pietro, leader dell’Idv, ha dichiarato: “Monti e il Colle peggio di Berlusconi”.

Non manca poi la “Cattiveria” del blog di Spinoza, che se la prende con il partito di Silvio Berlusconi e suggerisce una soluzioni “romana” alle primarie del Pdl:

“Il Pdl: “Il problema adesso è smontare la macchina delle primarie”. Lasciatela una notte sul Lungotevere”

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other