Roma: sabato alle 15 a Piazza Navona manifestazione contro le bombe sulla Libia

di Pino Nicotri
Pubblicato il 1 Aprile 2011 18:52 | Ultimo aggiornamento: 1 Aprile 2011 20:14

Eppur si muove! Lo disse Galilei, ma è una esclamazione che si adatta bene anche a realtà di oggi. Per esempio, pare che il catalettico Partito Democratico di Pier Luigi Bersani si sia deciso a muovere la piazza contro la permanenza al governo di un primo ministro che calpesta più volte la decenza, la Giustizia e la Costituzione pur di farla franca. Dopo le scene da suburra scoppiate in parlamento, con in testa come volgarità addirittura il ministro della Difesa, il segretario del PD annuncia che si deve scendere in piazza per manifestare contro questo andazzo da Strapaese delle Banane o da Bungabungaland che dir si voglia.

Ancora rintronata dall’uppercut sferrato da Sarkozy contro Gheddafi, la sinistra che ha in odio Berlusconi pare che finalmente abbia capito – anche se non ancora tutta – che un conto è detestare Berlusconi, un altro applaudire i bombardamenti contro la Libia del suo amico maestro di bunga bunga. Mussolini insegnò a Hitler il fascismo, Gheddafi per fortuna molto più modestamente e “pecorecciamente” ha insegnato al Cavaliere cos’è il bunga bunga e come s’ha da fare a regola d’arte. Non è un buon motivo per applaudire quella che di fatto è già una guerra insensata voluta dal marito di Carla Bruni per questioni di petrolio, guerra che non si capisce bene dove va a finire, anche se è chiaro che danneggerà in primo luogo l’Italia e non solo l’Eni e Lampedusa, e nella quale non è chiaro chi stiamo appoggiando. Mentre è invece chiarissimo che stiamo accoppando un bel po’ di civili come “effetti colaterali” dei nostri bombardamenti “umanitari”. Non siamo ancora alle cifre mostruose dell’Afganistan, dove per l’uccisione “collaterale” di civili innocenti ha dovuto protestare perfino il presidente Kharzai, ma siamo sulla buona strada: in definitiva la mattanza è iniziata solo da un paio di settimane….

La sinistra o almeno i pacifisti si stanno svegliando dall’ipnosi da equazione “contro Gheddafi uguale contro Berlsuconi”. E così è stata indetta una prima manifestazione per domani ed è iniziata una prima raccolta di firme per un appello a fermare la guerra. Tanti i nomi di personaggi importanti che hanno aderito alla manifestazione. Si va da personaggi della politica a quelli di scienza, cultura e spettacolo passando anche per uomini di fede come Alex Zanotelli e don Luigi Ciotti. Tra i primi firmatari anche Gino Strada, Carlo Rubbia, Renzo Piano, Maurizio Landini, Massimiliano Fuksas, Luisa Morgantini, Lella Costa, Riccardo Scamarcio, Valeria Solarino, Vittorio Agnoletto, e Paolo Beni.

Ecco il testo dell’appello per la manifestazione e quello per fermare la guerra, con i nomi dei firmatari.

1) – Sabato 2 aprile a Roma, in Piazza Navona, alle 15.00

Ancora una volta i governanti hanno scelto la guerra. Gheddafi ha scelto la guerra contro i propri cittadini e i migranti che attraversano la Libia. E il nostro Paese ha scelto la guerra “contro Gheddafi”: ci viene presentata, ancora una volta, come umanitaria, inevitabile, necessaria.

Nessuna guerra può essere umanitaria. La guerra è sempre stata distruzione di pezzi di umanità, uccisione di nostri simili. Ogni “guerra umanitaria” è in realtà un crimine contro l’umanità.

Se si vuole difendere i diritti umani, l’unica strada per farlo è che tutte le parti si impegnino a cessare il fuoco, a fermare la guerra, la violenza, la repressione.

Nessuna guerra è inevitabile. Le guerre appaiono a un certo punto inevitabili solo quando non si è fatto nulla per prevenirle. Appaiono inevitabili a chi per anni ha ignorato le violazioni dei diritti, a chi si è arricchito sul traffico di armi, a chi ha negato la dignità dei popoli e la giustizia sociale. Appaiono inevitabili a chi le guerre le ha preparate.

Nessuna guerra è necessaria. La guerra è sempre una scelta, non una necessità. E’ la scelta assurda di uccidere, che esalta la violenza, la diffonde, la amplifica, che genera “cultura di guerra”.

1. AMATO FABIO, Responsabile Esteri Prc

2. AMATO ROSALIA, Centro Gramsci

3. ANTONINI ENNIO, Centro Gramsci

4. ARZARELLO FLAVIO, Coordinatore nazionale FGCI

5. BATTIGLIA ROBERTO, Coordinatore Nuestra America

6. BELLIGERO ANNA, Portavoce nazionale GC

7. BELLIGONI MAURIZIO, Psichiatra – Seg. Reg. PRC Marche

8. BELMONTE ALESSANDRO, Blogger ilbriganterosso.it

9. BIANCHETTI FILIPPO, Gaza Freedom March

10. BIEMMI INES

11. BONAJUTO EMILIA

12. BURGIO ALBERTO, Docente Universitario

13. CAPONI ALESSANDRA, Comitato STOP Agrexco Roma

14. CAPRI CHIUMARULO ROCCO, Attore

15. CARARO SERGIO, Direttore Contropiano

16. CATONE ANDREA, Saggista e storico – Direttore rivista Ernesto

17. CECCONI PATRIZIA, Associazione Amici Mezza Luna Rossa

18. CESARIO GIAN PIERO

19. COSTA RENATO, Segretario Regionale CGIL-Medici, Sicilia

20. CRESCI FEDERICA, PRC

21. CUCCIOLLA ARTURO, Architetto

22. DAHMASH WASIM, Docente Universitario

23. DAL TOSO MARCO, Coord. FDS Milano, Cpn PRC

24. DE CECCO MARCO, Cristiani per la pace

25. DE SANCTIS PIERO, Centro Gramsci

26. DELFINO PESCE VITTORIO, Docente Universitario

27. DI DONATO ALESSIA, Redazione Oltre|Media.it

28. DILIBERTO OLIVIERO, Segretario PdCI

29. DINUCCI MANLIO, Saggista e collaboratore del Manifesto

30. DONNO ADA, Presidente AWMR Italia – Donne della regione mediterranea

31. DORSI ANGELO, Storico

32. FEDELI STEFANO, PdCI

33. FRANCESCAGLIA FRANCESCO, Responsabile Esteri PdCI

34. FRISOLI GIOVANNA, RSU Comune Milano

35. GEIMONAT MARIO, Docente Universtario Ca’ Foscari Venezia – Presidente Centro Gramsci

36. GEMMA MAURO, Direttore Ernesto On-line

37. GENOVALI ANDREA, Presidente PuntoCritico

38. GIACCHÈ VLADIMIRO, Economista

39. GIACOMINI RUGGERO, Storico dei movimenti per la pace e della resistenza

40. GIANNINI FOSCO, Senatore PRC XV legislatura

41. GIORDANO ENRICO, ARCI Ferrara

42. GRASSI CLAUDIO, Segreteria nazionale PRC

43. GRISOLIA MARCO, FGCI Milano

44. GUARNIERI ANTONELLA, Docente Storia Università Ferrara

45. HOBEL ALESSANDRO, Storico del movimento operaio

46. IANNETTI FABRIZIO

47. IOZZO ALFONSO, Medico di base

48. JACHETTI IVANA, Servizio cultura Giunta regionale Marche

49. JEAN GASPARE

50. LABANCA FEDERICA

51. LEONELLO ALESSIA, Fotoreporter – Comitato per non dimenticare Sabra e Chatila

52. LICANDRO ORAZIO, Resp. organizzazione PdCI – FDS

53. LIMITI STEFANIA, Comitato per non dimenticare Sabra e Chatila

54. LOCHE ELENA

55. LOCHE GIULIA

56. LOREFICE GIORDANO

57. LOSURDO DOMENICO, Filosofo

58. LUCHETTI ROBERTO, Rete disarmiamoli

59. MAGNI GIANPIERO

60. MANGANI LIDIA, Preside – Cgil nazionale scuola

61. MANNOCCI LUANA, Medico

62. MARCELLI FABIO, Ricercatore CNR – Giuristi Democratici

63. MARINGIÒ FRANCESCO, Associazione Marx XXI

64. MARINO LUIGI, Associazione Massimo Gorki Napoli

65. MERLIN VLADIMIRO, Consigliere Comunale Milano – Federazione della Sinistra

66. MESSINA RICCARDO, Avvocato

67. MICHELE GIORGIO, Giornalista de Il Manifesto

68. MIDOLO SEBASTIANO, Movimento contro la base di Sigonella

69. MILENA FIORE, PdCI

70. MINGARELLI MARIANO, Attivista pro Palestina

71. MONTANARI LAURA, Fotoreporter

72. MURA ROSANGELA

73. MUSOLINO MAURIZIO, Giornalista – PdCI

74. MUSSI LORETTA, Presidente Un ponte per…

75. NESPOLO CARLA, Presidente Istituto Storico Resistenza Alessandria

76. NICOTRI PINO, Giornalista

77. NOBILE FABIO, Consigliere regionale Lazio – Federazione della Sinistra

78. NOCERA MAURIZIO, Scrittore

79. OGGIONNI SIMONE, Portavoce nazionale GC

80. PAGANO MANUELE

81. PALERMI MANUELA, PdCI – Federazione della Sinistra

82. PALMIERI ENRICA, Insegnante danza Accademia nazionale danza Roma

83. PAVAN GIANMARIA

84. PERRONE NICO, Coordinatore Fds Bari

85. PIAZZA TANO, Movimento “No Ponte”, Messina

86. RICCI RODOLFO, FILEF Nazionale

87. RIGOTTI EMILIO

88. RIZZATI FRANCESCO, Consigliere Comunale Milano PdCI – FDS

89. RODILOSSO LUCA

90. SABINO LOREDANA, Cantante

91. SALEH BASSAM, Corrispondente di ALNAHARNEWS in Italia

92. SALMAN YOUSEF, Delegato Mezzaluna Rossa in Italia

93. SANTOPADRE MARCO, Direttore Radio Città Aperta

94. SELLER LUCIANO

95. SEVERINI MARINO, Voce e chitarra de “La Gang”

96. SINISI ANGELA

97. SORINI FAUSTO, Associazione Marx XXI

98. SOSSIO SACCHETTI FRANCESCO, Musicista

99. SQUIZZATO ALESSANDRO

100. STERI BRUNO, Direttore “Essere Comunisti”

101. TIBALDI DINO, Senatore PdCI XV legislatura

102. TOSTO TIZIANA, Attrice teatrale

103. TROMBONI DELFINA, Storica – Direttrice museo risorgimento e resistenza di Ferrara

104. URRO GIOVANNI, Assessore Sesto San Giovanni

105. VASAPOLLO LUCIANO, Docente Universitario

106. VELCHI ROMINA, Vice Direttore Liberazione

107. ZANABONI PIETRO