Il muro dei cretini, “cons”, colonna infame dei giudici francesi

Pubblicato il 27 Aprile 2013 - 19:55 OLTRE 6 MESI FA
cretini sul muro

Il “mur des cons”, muro dei cretini

Uno scandalo non sessuale ma politico ha messo in difficoltà il Governo francese, di sinistra, quando un sito di destra ha messo in rete le immagini del “muro dei cretini”,  “le mur des cons”,

“una bacheca piena di fotografie e insulti scoperta nella sede parigina del «Syndicat de la magistrature», la seconda più grande associazione di categoria (dietro l’Union syndicale des magistrats), che rappresenta circa il 30 per cento dei magistrati francesi e che dal 1968, anno della fondazione, è apertamente schierata a sinistra”.

Come riferisce Stefano Montefiori per il Corriere della Sera, il “muro dei cretini” è diventato di dominio pubblico quando

“una troupe televisiva di France 3 è entrata nei locali del «Sm» per intervistare la sua presidente, Françoise Martres. Mentre i tecnici sistemavano la telecamera, il giornalista ha notato la parete, tappezzata di immagini dei nemici politici – quasi tutti di destra – ribattezzata “muro dei cretini”, dove, oltre al generale Schmitt ci sono l’ex presidente Nicolas Sarkozy, l’ex premier Édouard Balladur, ministri del precedente governo come Brice Hortefeux o Nadine Morano, l’attuale capogruppo dell’Ump all’Assemblea nazionale Christian Jacob, e poi i giornalisti Éric Zemmour, Étienne Mougeotte (ex direttore del Figaro) e molti altri; alcuni definiti «uomini di Vichy», altri marchiati con un adesivo del Front National sulla fronte. «Prima di aggiungere altri cretini controllate che non ci siano già», dicono le istruzioni attaccate sulla bacheca.

“Per il governo di sinistra “il muro dei cretini” è una fonte di enorme imbarazzo, tanto che la ministra della Giustizia Christiane Taubira si è sentita in dovere di ricorrere al Consiglio superiore della magistratura: «Si tratta di un atto insopportabile, stupido e malsano, una mancanza grave di deontologia professionale»”.