Murales pornografici negli ospedali francesi tradizione che rischia di scomparire FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Gennaio 2015 - 11:00 OLTRE 6 MESI FA

PARIGI – Un murale che raffigura dei supereroi che fanno un’orgia, in Francia sta ancora alimentando , in Francia, il dibattito sulla libertà di espressione.  Siamo all’ospedale CHU di Clermont-Ferrand, comune da 140mila abitanti che si trova nella regione dell’Alvernia. Si tratta di Batman, Superman, Flash e Supergirl che fanno sesso di gruppo insieme a  Wonder Woman. Il dibattito sulla libertà di stampa, ad un paio di settimane dall’attentato a “Charlie Hebdo”, è nato a causa di una “modifica” apportata dagli studenti per criticare le riforme del ministro della salute Marisol Touraine. Nel graffito pornografico sono state infatti aggiunte frasi pesanti come  “Prendilo bene!”, “Dovresti informarti un po’”, “Tienila, la legge sulla sanità!”. L’incidente ha spinto l’ospedale a coprire l’opera, dopo 14 anni dalla sua realizzazione. Non solo: l’ospedale ha preso provvedimenti disciplinari contro i presunti autori.

Il dibattito è tra chi, come un gruppo di femministe, trova il disegno “totalmente inappropriato” e chi, dopo gli attacchi di “Charlie Hebdo”, non ritiene assolutamente necessaria la censura. Come spiega Quentin Bruet-Ferréol per “Slate France”, articolo ripreso e tradotto in italiano da Dagospia

I murales sessuali sono una tradizione studentesca. Questo genere di affreschi osceni (senza didascalie) sono ovunque nelle “salle de garde” (le stanze di ritrovo degli specializzandi) dei grandi ospedali francesi, raccolti anche nel libro “L’image obscène” di Gilles Tondini. Inizialmente rappresentavano gli alti valori della professione medica, poi però arrivò l’artista Gustave Doré, che per primo ritrasse una caricatura dentro l’ospedale. La tendenza si è accelerata con la liberazione sessuale e si è amplificata fino ai nostri giorni. Così troviamo i disegni a Fernand-Widal, dove gioventù e vigore attraversano i tratti dei personaggi grotteschi, per sottolineare la vitalità degli interni, che in ospedale si vorrebbero moribondi come i malati. A Bichat Claude-Bernard si disegnò un’orgia sotto gli occhi del Papa e di Napoleone, alla “Salle de garde de Mignot” di Versailles sono evidenziati enormi falli maschili e avvinghiamenti fra corpi, baccanali nelle sale degli ospedali della capitale. Le regole del decoro qui non vengono osservate per prendersi una pausa dallo stress“.