Germania in crisi: contributi ridotti e pensioni aumentate

Pubblicato il 16 Novembre 2011 12:54 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2011 13:01

BERLINO, 16 NOV – Il governo tedesco ha deciso stamani una riduzione dei contributi pensionistici a vantaggio dei lavoratori dipendenti. La percentuale dello stipendio accantonata per la pensione scendera' dal 19,9% al 19,6% (-0,3%) a partire dal 2012, con un calo delle entrate per i fondi previdenziali pari a 2,6 miliardi di euro.

La riduzione e' stata resa possibile dal buon andamento del mercato del lavoro, che ha fatto salire il monte contributivo delle casse previdenziali. Per la stessa ragione i pensionati, a partire da meta' del prossimo anno, potranno contare su aumenti pari al 2,3% negli ex Laender dell'ovest e al 3,2% in quelli dell'est.

Dalle agevolazioni sui contributi sono esclusi coloro che guadagnano piu' di 5.600 euro al mese e vivono nell'ovest del Paese, che con il riequilibrio del sistema pagheranno invece poco di piu'.