Romania: caos in Parlamento durante la seduta sulla Rivoluzione dell’89

Pubblicato il 20 Dicembre 2011 17:29 | Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre 2011 18:14

BUCAREST – Caos nel corso della seduta solenne del parlamento rumeno dedicata alla rivoluzione del dicembre 1989, conclusasi il 25 con l'uccisione del dittatore Nicolae Ceausescu e la moglie Elena.

Doru Maries, il rappresentante dell'Associazione 21 dicembre che rappresenta i rivoluzionari, ha definito ''criminale'' Ion Iliescu, il primo presidente della Romania post-rivoluzionaria sollevando un gran polverone. I rappresentanti del Psd, il partito social-democratico di cui Iliescu è ancora un punto di riferimento, hanno abbandonato la seduta.

Sempre oggi, a Timisoara le sirene della città hanno suonato per tre minuti consecutivi per ricordare i 22.mo anniversario della caduta del regime.