Santiago Abascal, leader di Vox che ha fatto diventare l’ultradestra terza forza in Spagna

di alberto francavilla
Pubblicato il 10 Novembre 2019 20:32 | Ultimo aggiornamento: 10 Novembre 2019 20:32
Santiago Abascal, leader di Vox che ha fatto diventare l'ultradestra terza forza parlamentare in Spagna

Santiago Abascal, leader di Vox che ha fatto diventare l’ultradestra terza forza in Spagna (Foto Ansa)

ROMA – Comunque vada, Santiago Abascal (leader di Vox) è il vincitore di queste elezioni in Spagna. “Questo è solo l’inizio. Vox è qui per rimanere!”, esultava Abascal nella notte del 28 aprile scorso. Aveva vinto la scommessa di portare l’estrema destra nel Parlamento spagnolo per la prima volta nella sua storia democratica, ma la sfida non era finita. Sei mesi dopo, i 24 deputati in Congresso sono più che raddoppiati, e il suo partito è diventato la terza forza dopo socialisti e popolari, grazie anche alle crepe lasciate nella politica dal recente acuirsi della crisi catalana.

Abascal ha chiuso la campagna elettorale fra migliaia di sostenitori avvolti nella bandiera spagnola, ha promesso di battersi per mantenere la Spagna unita e ha chiesto il voto “di tutti”, proponendosi come “l’alternativa patriottica”. In molti, moltissimi gli hanno dato ascolto.

Così se sei mesi fa, nelle elezioni dell’exploit, Abascal aveva attirato a sé anche la protesta e l’onda dell’antipolitica, questa volta l’establishment lo corteggia, lo stesso del resto in cui il leader di Vox è cresciuto. Nato nel 1976 a Bilbao, diventa membro del Partido Popular a 18 anni. Ed è anche una storia di famiglia per Abascal, figlio e nipote di politici locali, il padre con i popolari e il nonno sindaco durante il periodo franchista.

E’ la traccia che ripercorre anche Santiago, eletto due volte nel parlamento basco per il Pp. Con cui però rompe nel 2013. Le differenze sono ormai troppe con la leadership di Mariano Rajoy e su troppi temi, dagli scandali per corruzione fino alle posizioni sull’indipendentismo. Si unisce quindi a Vox agli albori della formazione nel 2014 e mentre questa compie i primi passi nei governi locali. Nel settembre di quell’anno Abascal diventa presidente del partito con il 91% di preferenze fra i suoi militanti.

A fargli da sponda l’emergere anche altrove nel mondo di figure politiche e formazioni di cui condivide priorità e parole d’ordine: si dichiara infatti fan di Donald Trump e, da questa parte dell’Oceano, di Marine Le Pen e Matteo Salvini. Poi il clamoroso risultato dell’ultradestra in Andalusia nel 2018 – con conseguente coalizione di destra – crea il caso e Abascal vede a quel punto la strada spianata verso Madrid.

Fino ad oggi, con Vox che in pochi mesi sembra ormai essere percepito come una sorta di nuova normalità. “Cresce come la schiuma”, dicono alcuni osservatori descrivendo la cavalcata nella breve ma intensa campagna elettorale dominata dalla crisi catalana. E Abascal si trovava già al posto giusto, nel momento giusto. (Fonte Ansa).