Antonio Razzi: “Sono schiavo di Berlusconi. Sono al suo guinzaglio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Luglio 2014 20:46 | Ultimo aggiornamento: 21 Luglio 2014 20:47
Antonio Razzi: "Sono schiavo di Berlusconi. Sono al suo guinzaglio"

Antonio Razzi (Foto Lapresse)

ROMA – “Silvio Berlusconi? Sono un suo schiavo”: parola di Antonio Razzi. Il senatore di Forza Italia ha fatto la propria dichiarazione d’amore al leader attraverso i microfoni della Zanzara, programma di Radio 24.

“Sono un fan di Berlusconi, un suo dipendente, un fanatico. È lui il capo, è lui che mi paga e sono al suo guinzaglio”, ha detto Razzi, che a proposito del voto sulle riforme e della fronda dentro al partito ha aggiunto:

“A Scilipoti dico: fatti i cazzi tuoi e vota con Berlusconi”..

Razzi commenta anche la riforma del Senato: 

“Minchia, qua ci starebbe proprio una bella casa chiusa. Una casa per appuntamenti fenomenale. Ci sarebbe lavoro per tutti. E visto che si chiama Palazzo Madama, anche il nome… Sicuramente darebbe migliaia di posti di lavoro, in questo momento molto delicato. Tanto gli italiani in vacanza vanno all’estero a prostitute e spendono all’estero. È la prima esportazione di valuta”.

Invece la proposta del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, di eliminare i senatori eletti,

“sta levando mille posti di lavoro a giovani che assistono i senatori. Se se ne vanno i senatori, devono andare via anche loro. Proprio ora che c’è bisogno di posti di lavoro. Ma io voterò comunque come mi dirà Berlusconi. Lui dice quello che devo fare, e io lo faccio. Quando c’era lui, tutti questi casini, tutte queste guerre nel mondo non c’erano. I marò sono ancora in India: con Berlusconi da mo’ che stavano con le loro famiglie… Potrebbe fare anche il mediatore per l’Onu andrebbe solo per dialogare e fare la pace”.