Comunali Torino, Rosso (Pdl): “Tanto vince il centrosinistra… è sempre così”. E piovono critiche

Pubblicato il 10 Maggio 2011 11:54 | Ultimo aggiornamento: 10 Maggio 2011 11:55

TORINO – A pochi giorni dal voto per le comunali a Torino ecco la sorpresa in casa Pdl che nessuno avrebbe immaginato. Mentre il centrodestra tenta di fare quadrato intorno al giovane candidato Michele Coppola, a portare scompiglio ci ha pensato Roberto Rosso, tornato al Popolo della libertà con una nomina a sottosegretario alle Politiche agricole, dopo aver guidato la fazione piemontese di Futuro e libertà. Già sconfitto al ballottaggio da Sergio Chiamparino nelle amministrative del 2001 Rosso, ai microfoni della trasmissione “Un giorno da pecora” di Radio Rai2 per lanciare la sua profezia: “A Torino vincerà Piero Fassino, perché non abbiamo costruito molto, bisognerebbe liberarci dalla sinistra ma noi non lo stiamo facendo con serietà”.

Le reazioni all’uscita di Rosso sono partite dal coordinatore regionale del Pdl, Enzo Ghigo. “L’onorevole è ancora inebriato dalla nomina da sottosegretario e forse si è dimenticato che è nel Pdl” ha replicato il senatore, a margine di un incontro con il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi. Che a sua volta, ha risposto così alla giornalista che gli ha chiesto un commento sul pronostico fatto da Rosso.

“Non amo prevedere il futuro ma costruirlo. Lei ha mai visto il presidente del Consiglio Berlusconi fare una previsione negativa?”. Al ministro ha fatto eco il vicecoordinatore regionale del Pdl, Agostino Ghiglia, “Rosso è di Vercelli, si vede che conosce poco Torino”. Sornione e pacato come al solito, invece, il candidato Coppola. “Sorrido e porto avanti la mia campagna elettorale, io non ho tempo da perdere”.