Ferrara, Feltri, Sallusti…, appello a Berlusconi: "Al voto, al voto!"

Pubblicato il 12 Novembre 2011 - 15:17 OLTRE 6 MESI FA

MILANO, 12 NOV – Parte da Milano, dai direttori del Foglio Giuliano Ferrara, del Giornale Alessandro Sallusti, insieme con Vittorio Feltri un appello a Silvio Berlusconi perche' dica no a un governo Monti e si vada cosi' alle elezioni.

L'appuntamento e' al teatro Manzoni, che e' di proprieta' della Fininvest. Si ritrovano un migliaio di persone, oltre 700 in sala, altre nell'atrio a seguire da un maxischermo, un gruppo sparuto fuori (con cartelli che inneggiavano a Berlusconi ed altri invece contro). In platea c'e' Roberto Lassini, che ha dovuto rinunciare alla candidatura alle comunali per il Pdl per i manifesti contro la magistratura, c'e' l'ex assessore comunale Tiziana Maiolo e ci sono soprattutto due membri del governo: il ministro Gianfranco Rotondi e il sottosegretario Daniela Santanche', venuti a dire no a un ''inciucio''. Rotondi parla di un ''golpe bianco'', Daniela Santanche' dice che servono elezioni ''senza se e senza ma''. Attacca Gianfranco Fini che aveva promesso di dimettersi un minuto dopo le dimissioni di Silvio Berlusconi e invece restera' presidente della Camera su una ''poltrona non meritata che non dovrebbe avere''. ''Io – aggiunge – non partecipero' al funerale di Silvio Berlusconi e del berlusconismo, del bipolarismo''.

Mario Monti che ha nel suo curriculum anche il lavoro alla Goldman Sachs ''un covo di criminali veri che hanno innestato la crisi finanziaria'', secondo Sallusti, non e' una scelta valida. Anzi, fare un governo con sinistra e ex Dc per risanare i conti, aggiunge Feltri, ''e' come chiedere a Dracula di donare il sangue''.

''Quella del governo Monti e' la vera antipolitica – spiega Ferrara – e' l'esproprio del diritto di essere governati da persone che godono di consenso''. Il direttore del Foglio attacca in pochi minuti Emma Marcegaglia (''il peggior presidente di Confindustria'') e Sarkozy (ha fatto una ''mascalzonata'') rei di aver accelerato sul cambio di governo. Critica la Banca Centale europea che non fa il suo mestiere. E avverte che se il premier si fara' da parte per un governo Monti, dopo pochi giorni ''si scatenera' l'inferno su Berlusconi e tutto quello che rappresenta''. Da qui il suo appello: ''Presidente Berlusconi non si faccia sommergere da quelli che lunedi' o martedi' apriranno il rubinetto della signorina spread secondo le convenienze di Merkozy. Alla fine bisogna decidere e bisogna decidere una sola cosa: la data delle elezioni''.