Milano, ai leghisti la Moratti non va giù. Su Facebook: “Anche una scimmia farebbe meglio di lei”

Pubblicato il 19 Maggio 2011 10:25 | Ultimo aggiornamento: 19 Maggio 2011 10:25

MILANO – La parola d’ordine, almeno sulla carta, è quella di ricompattarsi e lavorare per tenere Milan0, riconsegnandola a Letizia Moratti. C’è da battere quello che la Lega considera il pericolo rosso, quel Giuliano Pisapia che tra moschee, indulti e rom, secondo loro, rischia di distruggere Milano. Eppure, tra la gente della Lega, leggendo sui social network ed ascoltando Radio Padania, le cose non sembrano così scontate.

Non che i leghisti abbiano simpatie per Pisapia, anzi. Il dubbio, casomai, è quello tra il turarsi il naso e scegliere la “leggermente meno peggio Moratti” e lo starsene comodamente a casa e dedicare il week end dei ballottaggi a passatempo più piacevoli. Quanto a Milano, succeda quel che deve succedere.

Matteo Salvini, il più votato a Milano dopo il premier e possibile vicesindaco in caso di vittoria della Moratti, su Facebook ha già iniziato il lavoro. Punta al cuore del programma di Pisapia, espone i punti del programma che lo “lasciano perplesso”. Insomma, fa politica da leghista. Sulla sua bacheca, ovviamente, non mancano i messaggi di sostegno. C’è anche il video con cui Salvini chiede scusa ai milanesi per la campagna elettorale sbagliata. I leghisti approvano, ma se la prendono in modo chiaro col Pdl. “Non serve chiedere scusa noi ! – scrive un utente di Facebook – La Moratti ha sbagliato a non documentarsi nell’attacco a Pisapia , poi ha minimizzato gli affari del figlio , poi sulle nomine Expo un gran casino!”. C’è chi se la prende anche con la Santanché: “Chiedere scusa non serve a niente, finche il Pdl manda in giro gente come la Santanchè siamo tutti nella m…”.

Salvini chiede aiuto agli utenti di Facebook, gran parte dei leghisti è con lui, fredda con la Moratti ma rasserenata dal fatto che il “mastino” Salvini possa diventare vicesindaco. Ma sono numerosi anche i commenti di chi dissente: “Io sono anti-Pisapia – scrive un elettore evidentemente non di sinistra – ma un’alternativa alla Moratti non c’era proprio? Sono convinto che la gente voti Pisapia solo per antipatia verso la Moratti”. Ancora più duro un certo Luigi Rossi che si definisce “vero leghista” e dice che tutti quelli come lui sono per l’astensione. Il perché, a suo giudizio, è presto detto: “Anche una scimmia farebbe meglio di lei”.