Ministri governo Draghi, i possibili nomi dei tecnici ministero per ministero: a loro i ruoli chiave

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Febbraio 2021 - 12:27 OLTRE 6 MESI FA
Ministri governo Draghi, i possibili nomi dei tecnici ministero per ministero: a loro i ruoli chiave

Ministri governo Draghi, i possibili nomi dei tecnici ministero per ministero: a loro i ruoli chiave (Foto Ansa)

Il governo Draghi comincia a prendere forma con i ministri tra tecnici e politici pronti a entrare nella squadra. Nelle prossime ore infatti il premier incaricato Mario Draghi salirà al Colle per sciogliere la riserva e presentare al Capo dello Stato la sua lista dei ministri, che sta ultimando in queste ore.

Aggiornamento ore 12.27.

Quali saranno i ministri del governo Draghi?

Ci sono tanti nomi che stanno continuando a girare per occupare i ruoli chiave del nuovo governo che si sta formando. Appare sempre più probabile una composizione divisa tra tecnici e politici, ma saranno i tecnici ad avere i ministeri più importanti. Vediamo allora i nomi dei tecnici in circolazione ministero per ministero.

Ministero Transizione ecologica

La novità è il ministero della Transizione ecologica, che potrebbe nascere accorpando parti del ministro dell’Ambiente e di quello dello Sviluppo economico. Si fa il nome di Enrico Giovannini, finora indicato per il ministero del Lavoro. Altri nomi papabili per questo nuovo ministero sono Federico Testa, presidente di Enea, Francesco Starace, ora amministratore delegato di Enel e Raffaele Mellone, amministratore delegato del Fondo italiano per l’efficienza energetica. Ma anche Catia Bastioli, indicata da M5S.

Ministero Economia

I nomi in corsa rimangono quelli di Daniele Franco (Bankitalia) e Luigi Federico Signorini (Bankitalia). Ma anche Ignazio Angeloni (Vigilanza Bce) e Dario Scannapieco (Bei). Non sono da escludere Ernesto Maria Ruffini, oggi alla guida dell’Agenzia delle Entrate, e l’economista Lucrezia Reichlin.

Esteri, Istruzione, Difesa e Giustizia

Agli Esteri si ipotizza Elisabetta Belloni, ora segretario generale, che potrebbe passare a guidare il ministero. Poi si parla di Patrizio Bianchi all’Istruzione e del generale Claudio Graziano alla Difesa. Ma per l’Istruzione spunta anche all’ultimo il nome di Geminello Salvi, economista già consigliere del Tesoro. Marta Cartabia, ex presidente della Corte Costituzionale è invece il nome più gettonato per la Giustizia.

Interno, Salute, Welfare e Pari Opportunità

Luciana Lamorgese potrebbe essere confermata al ministero dell’Interno. Al ministero della Salute potrebbe restare Roberto Speranza. Al Welfare sono in lizza Roberto Rossini, presidente delle Acli, e Stefano Granata, presidente Federsolidarietà. Continua a circolare il nome di Linda Laura Sabbadini per le Pari opportunità.