“Via gli orsi non italiani dal Trentino”, la Lega vuole rispedirli in Slovenia

Pubblicato il 18 Febbraio 2011 15:44 | Ultimo aggiornamento: 18 Febbraio 2011 15:44

“Via gli orsi dal Trentino”, per la Lega, appoggiata dall Svp, vanno rispediti in Slovenia perché sono troppo pericolosi. Secondo il Carroccio, spiega la Gea Press, sarebbero considerati una minaccia per chi vive tra le montagne, perciò devono sloggiare.

Gli orsi avevano oltrepassato il confine italiano dalla Slovenia con l’avvio del progetto Ursus per ripopolare la specie (ne erano rimasti solo tre) proprio in Trentino, a partire dal 1996, con fondi europei “per cercare di risollevare le sorti dell’ultimo nucleo di Orso bruno delle Alpi italiane. Il Parco Naturale Adamello Brenta, la Provincia Autonoma di Trento e l’Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica ritennero di unire le forze per la salvaguardia dei plantigradi nostrani”, spiega Gea Press.

Il progetto si è concluso nel 2004 e attualmente gli orsi sono 30, ma la Lega vuole sbatterli fuori con il foglio di via.