Papa, Riesame: “Per lui le schede sim sono come un’arma per un rapinatore”

Pubblicato il 16 Agosto 2011 - 21:43 OLTRE 6 MESI FA

ROMA – Le schede Tim utilizzate da Alfonso Papa, il deputato del Pdl in carcere per essere coinvolto nello scandalo della P4, “erano necessarie quanto le armi con matricola abrasa per un rapinatore”. Lo scrive il tribunale del riesame di Napoli nelle motivazioni che hanno confermato, lo scorso 9 agosto, l’associazione per delinquere all’ex magistrato, a Luigi Bisignani e a Enrico La Monica.

Nelle 46 pagine con cui i giudici hanno accolto il ricorso dei pm Francesco Curcio ed Henry John Woodcock viene analizzato il rapporto tra Alfonso Papa e Raffaele Balsamo, gestore di un negozio Tim a Napoli e già noto alla magistratura per essere coinvolto “in procedimenti penali per attività irregolari in tale ambito”.

Secondo il Riesame, Balsamo riforniva Papa di schede “pulite”, “come nei rapporti tra malavitosi”, si legge nelle motivazioni, e in seguito ci sarebbe stato uno scambio di ruoli: era il deputato che riforniva Balsamo. Quest’ultimo aspetto, secondo i giudici “è una circostanza rilevante per il diverso tema del reato associativo, che pur di interesse” non è stata presa in considerazione in questo procedimento.

Lo scambio e l’utilizzo di numerose schede telefoniche hanno portato, infatti, la procura di Napoli, pochi giorni dopo la sentenza del Riesame, a trasmettere alla giunta per le Autorizzazioni della Camera la richiesta di utilizzo dei tabulati telefonici dell’ex magistrato, con specificate le 14 schede telefoniche che intendono acquisire.