Salvini: “Chiese aperte a Pasqua. Ci vuole anche il buon Dio, non solo la scienza”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Aprile 2020 10:12 | Ultimo aggiornamento: 5 Aprile 2020 10:12
Salvini, chiese aperte a Pasqua: "Ci vuole anche il buon Dio, non solo la scienza"

Salvini, chiese aperte a Pasqua: “Ci vuole anche il buon Dio, non solo la scienza” (Foto Ansa)

ROMA – Chiese aperte a Pasqua. È la proposta del leader della Lega Matteo Salvini. “Non vedo l’ora che la scienza e anche il buon Dio, perché la scienza da sola non basta, sconfiggano questo mostro per tornare a uscire. Ci avviciniamo alla Santa Pasqua e occorre anche la protezione del Cuore Immacolato di Maria”, ha detto Salvini a Sky Tg24. 

Il Vaticano da parte sua ha deciso di fare tutti i riti della Pasqua e della settimana Santa in video e non in carne e ossa. Comprese le processioni. E lo ha fatto per un ottimo motivo: durante le processioni il contagio si diffonde. Nel 1300 all’epoca della peste non lo sapevano e facevano le processioni. Ora la Chiesa non le fa più, ma Salvini invita al farne di piccole chiesa per chiesa la domenica di Pasqua. 

Salvini infatti dice: “Sostengo la richieste di coloro che dicono di poter entrare in chiesa, seppur ordinatamente, con le distanze di sicurezza, per la Messa di Pasqua, magari un po’ alla volta, in quattro o cinque. C’è un appello promosso da Tempi ai vescovi italiani:, rispettando le distanze, in numero limitato, la santa di Pasqua per milioni di italiani può essere un momento di speranza”.

Salvini poi continua: “Spero che si trovi il modo di avvicinare chi ci crede. C’è un appello mandato ai vescovi di poter permettere a chi crede, rispettando le distanze, con mascherine e guanti e in numero limitato, di entrare nelle chiese come si entra in numero limitato nei supermercati. La Santa Pasqua, la resurrezione di nostro Signore Gesù Cristo, per milioni di italiani può essere un momento di speranza da vivere”. (Fonte Sky Tg24).