Sondaggio Ipr. Il gradimento degli italiani: il Pdl di Berlusconi va giù, ma il governo resiste. Bene Lega, Udc e finiani

Pubblicato il 19 Ottobre 2010 16:19 | Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre 2010 16:21

Silvio Berlusconi

Il Pdl e Silvio Berlusconi vanno giù nei sondaggi di gradimento degli italiani: perdono due punti in un mese, passando dal 39% al 37% secondo i rilevamenti di Ipr marketing per Repubblica.it. Aumenta anche la fetta di italiani che non hanno più fiducia nel presidente del Consiglio: a settembre scorso erano il 55%e ora sono al 58%.

Il governo se la passa meglio. Repubblica scrive: “La sfiducia nell’esecutivo è immutata rispetto ad un mese fa: un 64% che sovrasta il 30% di chi dice di nutrire speranze nell’esecutivo”.

Per quanto riguarda i ministri il Guardasigilli Angelino Alfano e il titolare del Viminale Roberto Maroni sono al 60%. Perde punti il ministro dell’Economia Giulio Tremonti che passa dal 54% al 52% e il ministro della Difesa Ignazio La Russa che ha perso 4 punti di gradimento, dal 42% al 38%, dopo i quattro alpini morti in Afghanistan .

Il sondaggio Ipr fotografa una buona situazione per Lega e Udc: “Superano tutti gli altri raggruppamenti. Marcatissima, la flessione del Pdl (-5%), ed è significativo anche il 2% in meno dell’Italia dei Valori (forse legato all’estandersi del movimento di Beppe Grillo)”, scrive Repubblica.

I finiani sono al 22%, mentre il Partito democratico al 27%.