Hong Kong, cronista chiede su Tiananmen a leader Cina, fermato

Pubblicato il 30 Giugno 2012 9:54 | Ultimo aggiornamento: 30 Giugno 2012 15:06

HONG KONG, 30 GIU – La polizia di Hong Kong ha portato via un giornalista che stava facendo una domanda al presidente Hu Jintao, in visita nell'ex colonia britannica, sul movimento democratico di Tiananmen. Lo riferisce la stampa di Hong Kong.

Il giornalista dell'Apple Daily ha chiesto al presidente cinese Hu Jinato, se fosse a conoscenza della volonta' dei cittadini di Hong Kong di giustificare e difendere il movimento democratico che porto' ai moti del 4 giugno del 1989 in piazza Tiananmen a Pechino, sedati nel sangue dalle autorita' cinesi. Il reporter ha formulato la domanda mentre il segretario del partito comunista e presidente cinese stava visitando il terminal crocieristico di Kai Tak e iul progetto di sviluppo di Kowloon Est in costruzione. Poco dopo aver formulato la domanda, alla quale Hu Jintao non ha risposto, il giornalista e' stato portato via dagli agenti e interrogato in una caserma per una ventina di minuti. Gli agenti hanno accusato il giornalista di aver chiesto la domanda a voce troppo alta tanto da disturbare i presenti. Poco dopo e' stato liberato.

Hu Jintao si trova da ieri a Hong Kong per una visita di tre giorni in occasione del quindicesimo anniversario del passaggio dell'ex colonia britannica alla Cina. Nonostante l'alone di liberta' di pensiero, sono in molti a lamentarsi che da qualche tempo anche la stampa ad Hong Kong viene controllata e censurata, su influenza del governo di Pechino.