Assad: “Dobbiamo distruggere i terroristi. In Siria c’è Al Qaeda”

Pubblicato il 28 Giugno 2012 19:48 | Ultimo aggiornamento: 28 Giugno 2012 20:21

TEHERAN – Il governo siriano “ha il dovere di distruggere i terroristi per salvare migliaia di vite”: lo ha dichiarato in un’intervista alla tv di stato iraniana il presidente siriano, Bashar Al Assad. Assad ha detto che il suo governo si sta muovendo verso le riforme, che pero’ per i terroristi “non hanno alcun significato”. Assad ha detto che in Siria è presente Al Qaida, aggiungendo che alcuni Paesi, come gli Stati Uniti, accettano che Al Qaida attacchi Paesi che non piaccino loro, come la Siria.

Per il presidente siriano, “alcuni Paesi” vogliono che fallisca il piano di pace per la Siria del mediatore di Onu e Lega Araba, Kofi Annan, “per dare la colpa” al governo di Damasco.

Assad ha detto di non prevedere un’azione militare contro la Siria e dice che un’azione come quella con la Libia in Siria “non è possibile”. Per il presidente siriano la Siria è sotto pressione internazionale per via del suo appoggio alla causa palestinese.

L’aiuto iraniano. Il presidente siriano ha sottolineato che Teheran è stata al fianco della Siria e che Damasco deve ricambiare la sua fedeltà. Nell’intervista Assad ha quindi definito “una barzelletta” il presunto coinvolgimento dell’Iran nel conflitto siriano a fianco del regime.