C’è vapore acqueo nell’atmosfera di Ganimede, la più grande luna di Giove e dell’intero Sistema solare

di Caterina Galloni
Pubblicato il 1 Agosto 2021 - 19:18 OLTRE 6 MESI FA
C’è vapore acqueo nell’atmosfera di Ganimede, la più grande luna di Giove e dell'intero Sistema solare

C’è vapore acqueo nell’atmosfera di Ganimede, la più grande luna di Giove e dell’intero Sistema solare (foto Ansa)

Ganimede è un satellite di Giove e il più grande del sistema solare. Gli astronomi per la prima volta avrebbero rilevato vapore acqueo nella sottile atmosfera del satellite ricoperto da uno strato ghiacciato.
 
Ricerche precedenti ipotizzavano che Ganimede – più grande di Mercurio e Plutone e solo leggermente più piccolo di Marte – potrebbe contenere più acqua di tutti gli oceani della Terra messi insieme.
Ma la sua superficie è ghiacciata. L’acqua allo stato liquido si troverebbe a circa 160 m sotto la crosta.
 

Il nuovo studio con i dati, vecchi e nuovi, di Ganimede 

 
Nel nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati vecchi e nuovi di Ganimede dal telescopio spaziale Hubble della NASA.
Nel 1998, Hubble aveva ripreso le prime immagini ultraviolette (Uv) di Ganimede, che rivelarono le cosiddette bande aurorali e fornirono ulteriori prove del fatto che Ganimede presenta un debole campo magnetico.
 
Le somiglianze riscontrate in queste osservazioni furono spiegate dalla presenza di ossigeno molecolare. 
Ma alcune caratteristiche osservate non corrispondevano alle emissioni previste da un’atmosfera di ossigeno molecolare puro. 
 
Gli scienziati conclusero che questa discrepanza era probabilmente correlata a concentrazioni più elevate di ossigeno atomico.
Come parte di un ampio programma di osservazione per supportare la missione Juno della NASA su Giove, utilizzando Hubble i ricercatori hanno cercato di misurare la quantità di ossigeno atomico nell’atmosfera di Ganimede.
 
Inaspettatamente, hanno scoperto che non c’è quasi ossigeno atomico, la spiegazione per le differenze nelle immagini doveva essere un’altra.
Gli scienziati si sono concentrati su come la temperatura della superficie di Ganimede varia fortemente durante il giorno, con massime di circa -123 gradi Celsius a mezzogiorno all’equatore e minime di circa -193 gradi Celsius di notte.
Nei punti più caldi di Ganimede, il ghiaccio può  rilascia piccole quantità di molecole d’acqua.
 

C’è vapore acqueo nell’atmosfera di Ganimede

 
Le differenze rilevate nelle immagini Uv sono direttamente correlate al punto in cui ci si aspetterebbe acqua nell’atmosfera lunare.
“Il vapore acqueo nell’atmosfera corrisponde molto bene ai dati”, ha detto a space.com l’autore principale dello studio Lorenz Roth, scienziato presso il KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma.
 
Il motivo principale per cui la ricerca precedente non è riuscita a rilevare l’acqua nell’atmosfera di Ganimede è perché il segnale ultravioletto dell’ossigeno molecolare è molto forte.
“Questi risultati indicano che il vapore acqueo effettivamente esiste nelle atmosfere dei corpi ghiacciati nel sistema solare esterno”, ha detto Roth.
“Ora potremmo vederlo in più posti”.
(Fonte: space.com)