Calciomercato Juventus: Zuniga, Kolarov e Biabiany gli obiettivi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Agosto 2013 - 12:09 OLTRE 6 MESI FA
Calciomercato Juventus: Zuniga, Kolarov e Biabiany gli obiettivi (LaPresse)

Calciomercato Juventus: Zuniga, Kolarov e Biabiany gli obiettivi (LaPresse)

TORINO – Tre acquisti per completare una rosa già competitiva. Questo è l’obiettivo del direttore generale  della Juventus Beppe Marotta.

Tre calciatori nel mirino: Juan Camilo Zuniga del Napoli, Aleksandar Kolarov del Manchester City e Ludovic Biabiany del Parma. 

La Juventus potrà fare mercato dopo aver piazzato qualche colpo nel mercato in uscita. Analizzando le tre trattative emerge come Zuniga sia difficilmente raggiungibile perchè è considerato incedibile dal Napoli, mentre ci sono spiragli per Kolarov e Biabiany. 

Ancora un ko, il secondo consecutivo. L’aria americana non fa bene alla Juventus: sconfitta dall’Everton ai rigori, contro il Los Angeles Galaxy è andata ancora peggio.

Un 3-1 nei tempi regolamentari infarcito di errori e distrazioni, tanto da far scattare l’allarme. Perchè se è vero che nelle amichevoli estive il risultato non conta, non si può dire lo stesso delle prestazioni. E quelle mostrate fino ad ora non sono state all’altezza dei campioni d’Italia.

A suonare la campanella è lo stesso Antonio Conte. Il tecnico bianconero è un perfezionista e questa Juve non lo convince. E alza la voce: ”Serve più fame”, ringhia l’allenatore, che di scudetti ne ha vinti parecchi quando giocava e sa che per ripetersi non bastano le parole. ”Bisogna aumentare la concentrazione – spiega – essere bravi sul campo e non accontentarci di sentirselo dire”.

I carichi di lavoro, stavolta, non sono una giustificazione accettabile. E neppure la scelta del mister di puntare su una formazione decisamente sperimentale, con Tevez in panchina per una botta subita nell’ultimo allenamento. Buffon e Bonucci, tra i nazionali azzurri, sono gli unici a giocare dal primo minuto, mentre l’attacco è formato dalla coppia in uscita Quagliarella e Matri.

Entrambi sono sul mercato ed è forse per questo che, rispetto ai compagni, sembrano più in palla. Sono loro a confezionare il momentaneo pareggio, dopo la rete iniziale di Gonzalez. L’ex cagliaritano insacca in tap-in il tiro del compagno respinto corto da Rowe. Per i bianconeri, però, è soltanto un’illusione.

Il pubblico del Dodger Stadium, aperto al calcio per la prima volta nella sua storia, deve accontentarsi soltanto di un paio di buone giocate di Pirlo.

Tutto il resto è noia, per dirla come Califano. E se a regalare il vantaggio di Keane per gli americani – che segna poi anche il 3-1 su un retropassaggio errato di Pirlo – è un errore di Vidal, eroe dello scudetto-bis, è detto tutto. Conte non vuole altri errori e con le sue parole cerca di correre subito ai ripari. Per puntare al terzo scudetto consecutivo, e alla storia visto che manca dal 1935, ”serve più fame”.

La stessa che lo scorso anno ha consentito alla Vecchia Signora di conservare lo scudetto sulla maglia. Gli avversari non aspettano.