Inter-Milan, striscione-coreografie derby FOTO: curve celebrano simboli Milano

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 Aprile 2015 21:40 | Ultimo aggiornamento: 20 Aprile 2015 10:54

MILANO, STADIO GIUSEPPE MEAZZA ‘SAN SIRO’ – Dal Castello Sforzesco al Duomo, passando per la basilica di Sant’Ambrogio: per le coreografie del derby di Milano le Curve di Inter e Milan hanno scelto i monumenti simbolo della città che si prepara ad ospitare l’Expo. Lo spettacolo organizzato dagli ultrà nerazzurri si è aperto con questa frase. “Le radici di chi da sempre governa la città troverete o voi bramosi che con invidia osservate fra le merlature medievali della torre del Filarete”, ossia la torre più alta del Castello Sforzesco, rappresentato dai tifosi con un enorme lenzuolo a sfondo nerazzurro che ha coperto i tre anelli della curva. E dal portone disegnato sono usciti tre tifosi vestiti da cavalieri medievali, prima che iniziasse una suggestiva sbandierata.

La Curva del Milan ha invece scelto le parole di Alessandro Manzoni per descrivere la meraviglia di Renzo di fronte al Duomo (“E si fermò dimenticando tutti i suoi guai a completare quell’ottava meraviglia”), uno dei simboli di Milano raffigurati nella coreografia sopra la scritta ‘Mediolanum’ assieme all’Arco della Pace, al Castello Sforzesco, alla basilica di Sant’Ambrorgio, al monumento equestre di Vittorio Emanuele II e al Dito di Maurizio Cattelan al centro di Piazza Affari.

Poi gli ultrà milanisti, tutti con indosso maglie rosse, hanno srotolato al centro della curva un enorme ritratto di Herbert Kilpin, fondatore nonché primo capitano e allenatore della squadra. Inter-Milan, striscione-coreografie derby FOTO: curve celebrano simboli Milano. Foto LaPresse.