Australia, topo ucciso in diretta tv: multato lo show

Pubblicato il 9 Febbraio 2010 12:08 | Ultimo aggiornamento: 9 Febbraio 2010 12:08

La tv commerciale britannica Itv è stata multata in Australia per maltrattamento di animali, dopo che un ratto è stato ucciso e cucinato durante un reality simile a “L’isola dei famosi”. La corte di Sydney ha dato ragione alla Reale società per la prevenzione della crudeltà sugli animali (Rspca) che ha presentato denuncia per la morte del roditore, ucciso con un coltello e rimasto ad agonizzare per novanta secondi.

La denuncia era stata inizialmente rivolta contro due concorrenti del programma “I’m a celebrity… get me out of there”, l’attore Stuart Manning e lo chef Gino D’Acampo. Ma successivamente la denuncia è stata rivolta all’emittente televisiva, che ha ammesso le proprie responsabilità e dovrà ora pagare tremila dollari australiani.  «La produzione ignorava che l’uccisione di un ratto potesse essere un reato, penale o altro, nel Nuovo Galles meridionale e accetta che vengano fatte altre indagini», aveva dichiarato un portavoce di Itv.

David O’Shannesy, un esponente dell’Rspc, aveva spiegato che la denuncia era stata motivata dal fatto che il roditore è stato ucciso a scopo d’intrattenimento. «Non è accettabile uccidere un ratto per una performance – aveva detto – è stato fatto soltanto per le telecamere».