Sanremo 2020, Amadeus: “Ecco come cambierà il Festival”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Settembre 2019 21:55 | Ultimo aggiornamento: 25 Settembre 2019 21:55
Amadeus, Ansa

Amadeus (foto Ansa)

ROMA – Intervistato da Un giorno da Pecora, Amadeus ha svelato alcune delle novità della prossima edizione del Festival di Sanremo. 

“L’emozione per il Festival? E’ ancora presto. Siamo nella fase dell’entusiasmo e della curiosità. Sta iniziando la parte divertente, in cui incontri la discografia, ti presentano i progetti, senti le canzoni, cominci a parlare di super ospiti, inizi ad incontrare qualcuno, è la parte creativa quella più bella. Iniziamo a ricevere delle canzoni, a pensare agli ospiti, ai super ospiti, da ora inizia la parte più divertente. E poi inizierà anche la parte legata ai giovani. Stanno iniziando ad arrivare le richieste, tra tutte le adesioni che arriveranno ne resteranno sessanta, poi venti, e alla fine saranno otto i cantanti giovani che porterò a Sanremo”.

 “Per me – continua – è l’apice di una carriera. Chi fa questo mestiere in Sanremo vive il momento più importante. Mi sto accorgendo ora con mano della potenza mediatica del Festival. Quando fai Sanremo è il massimo che possa accadere per chi fa questo mestiere. Questo non significa che se non lo fai la tua carriera non è importante, ma il Festival è come per un calciatore la finale dei mondiali”.

Dopo aver annunciato poi delle novità sul sistema di voto (senza entrare nel dettaglio), Amadeus ha spiegato anche il nuovo sistema per le nuove proposte: 

“Le nuove proposte, che saranno otto, gareggeranno durante le serate. Vincerà una delle nuove proposte, come si faceva una volta, ai tempi di Pippo, il venerdì sera. E il sabato sera ci sarà, ma sarà una vetrina, non gareggerà con gli altri 20”.