Se cadeva il Governo tutta l’Italia si sarebbe fatta male. La colpa? Di Berlusconi

Pubblicato il 27 Dicembre 2010 8:35 | Ultimo aggiornamento: 27 Dicembre 2010 7:59

Per una volta Silvio Berlusconi ha detto la verità: ”Saremmo andati incontro ad una situazione molto grave per il Paese. In un momento di crisi globale non avere il Governo e introdursi in una campagna elettorale anche molto dura, avrebbe potuto attirare la speculazione internazionale”.
Ma non può prendersela che con se stesso: chi ha tolto i fascisti dall’isolamento politico legittimandoli e facendone una parte della maggioranza di governo? Uno che faceva a botte in gioventù con gli anni matura e si stabilizza, ma violenza e eversione restano modi di agire, non più fisico ma politico.
Chi ha sbagliato i calcoli con Fini, pensando che bastasse imbozzolarlo nel lusso che circonda le alte cariche dello Stato italiano per emascularlo politicamente?
Chi ha tenuto comportamenti non consoni al primo ministro di ungrande paese come l’Italia, rendendoci oggetto di scherno e di ludibrio mondiale, dando così una giustificazione etica al tradimento di palazzo?