Fonsai. Premafin dà il via libera alla proposta di Unipol

Pubblicato il 16 Aprile 2012 21:47 | Ultimo aggiornamento: 16 Aprile 2012 21:52

MILANO – Si' di Premafin alle condizioni proposte da Unipol per il maxi polo con Fonsai. Il Cda guidato da Giulia Ligresti ha approvato dopo tre ore le condizioni poste dalla compagnia bolognese che ha messo sul piatto 0,195 euro per azione per l'aumento di capitale da 400 milioni della holding puntando a non meno dei due terzi (il 66,7%) del nascente gruppo assicurativo.

La societa' dei Ligresti e' stata valutata fino a 80 milioni di euro, con un prezzo per la quota in Fonsai a 3,38 euro per azione, contro gli 0,82 di Borsa e i 3,95 della recente valutazione nel bilancio della stessa Premafin.

All'esito della ricapitalizzazione, Unipol avra' almeno l'83% della holding considerando una sottoscrizione integrale dell'aumento. La famiglia Ligresti dovrebbe scendere invece all'8,5% o all'11,6% considerando anche le quote dei trust off-shore che Consob sospetta possano essere riconducibili a Salvatore e alla famiglia siciliana. Contro il progetto sono intanto tornati a scagliarsi Palladio e Arepo di Matteo Arpe con una denuncia al collegio sindacale.

La svolta nella partita, dopo un lungo weekend di trattative, e' arrivata dal board di Unipol a Bologna, il primo dei consigli previsti nella lunga maratona per arrivare ai concambi della fusione, che vedeva in agenda anche il Cda Premafin alle 18, quello Fonsai alle 19 e, a seguire, quello della Milano.

Questi ultimi si sono aggiornati a giovedi' prossimo, mentre verso le 21 al termine del consiglio di Premafin e' stato annunciato il si' all'aumento da 400 milioni al prezzo chiesto da Unipol. Quest'ultima attraverso un portavoce era intervenuta auspicando un accordo che permettesse di realizzare il progetto industriale.

Poco prima delle 17 tutti e quattro i titoli delle societa' coinvolte nel riassetto sono stati sospesi in Borsa, per chiudere quindi la seduta in netto calo. E domani e' attesa la reazione del mercato all'intesa, che e' subordinata al via libera da parte delle autorita', Consob in testa.

Fonsai ha perso il 5,91%, Unipol il 5,21% per Unipol e la Milano il 2,95%. Premafin e' avanzata di misura (+0,41%) portandosi a 0,29 euro: il prezzo massimo offerto per la ricapitalizzazione da Unipol rappresenta dunque uno sconto del 33% rispetto alle quotazioni di oggi.

In vista dell'assemblea della prossima settimana di Milano Assicurazioni (il 23 in prima convocazione) e di Fondiaria Sai (il 24 in seconda convocazione) Consob ha intanto chiesto al Cda e al collegio sindacale di entrambe le societa' di dare al mercato entro le 20 di giovedi' 19 aprile delle integrazioni informative, tra l'altro, sulle remunerazione del top management passato e presente, e sul trattamento contabile di alcune poste di bilancio.