Usa. Polizia ammanetta e arresta bimba di 6 anni: la famiglia protesta

Pubblicato il 17 Aprile 2012 22:24 | Ultimo aggiornamento: 17 Aprile 2012 22:25

NEW YORK – E' polemica negli Stati Uniti per una bimba di appena sei anni ammanettata e arrestata dalla polizia in Georgia, nella cittadina di Milledgeville, nel profondo Sud del Paese.

Gli agenti sono intervenuti dopo che dalla scuola elementare di Creekside e' arrivata una chiamata in cui si denunciava il comportamento della ragazzina che – secondo quanto raccontato – avrebbe aggredito il preside e provocato danni all'interno dell'istituto. Al loro arrivo i poliziotti hanno trovato la bimba distesa sul pavimento che gridava e piangeva.

Piu' volte – si legge nel rappporto – e' stato tentato di calmarla, ma la ragazzina avrebbe reagito con violenza. Da qui la decisione di ammanettarla, innanzitutto – si difendono gli agenti coinvolti – per la sua stessa sicurezza.

La bimba e' stata quindi trasportata alla locale stazione di polizia dove e' stata inizialmente accusata di aggressione e danni alla proprieta' scolastica. Pronta la protesta dei familiari: ''Non pensiamo che una bambina di sei anni possa essersi comportata cosi' male da meritare le manette e di essere portata alla stazione di polizia''. Polemiche anche verso la scuola: ''Chiamare la polizia? E' questo il primo passo'' di fronte a una bimba che fa i capricci?.