Gino Paoli: “Dimissioni Marco Doria? Una stronzata all’italiana” AUDIO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 ottobre 2014 8:42 | Ultimo aggiornamento: 16 ottobre 2014 18:57
Gino Paoli: "Dimissioni Marco Doria? Una stronzata all'italiana" AUDIO

Gino Paoli (foto Lapresse)

GENOVA – Cacciare il sindaco di Genova, Marco Doria? “Una stronzata all’italiana”. Gino Paoli, genovese doc, assolve il primo cittadino a pochi giorni dall’alluvione che ha messo in ginocchio la sua città. E i forcaioli di turno hanno chiesto subito la testa di Doria.

Paoli, al programma di Rai Radio2 ‘Un Giorno da Pecora’, ha raccontato dov’era il giorno dell’alluvione:

“A casa, mi sono accorto subito della gravità perché mi era sembrato un evento simile a due anni fa. Penso che ormai dobbiamo abituarci a questo clima tropicale: questa quantità d’acqua in pochi minuti io l’ho vista solo nei paesi tropicali”.

Di chi è la colpa?

“Bisogna andare lontano. La copertura della foce del Bisagno, fatta molto tempo fa. Poi c’è un affluente del Bisagno, il Fereggiano, su cui è iniziata un’opera poi bloccata per un problema di tangenti. I lavori su questo affluente potrebbero risolvere i problemi all’80%”.

Come vede il futuro?

“E’ una situazione che si ripeterà anche in futuro”.

Crede che il sindaco Doria si dovrebbe dimettere?

“No, lui è appena arrivato. Questa è la solita stronzata all’italiana, per cui accusi chi ricopre quel certo ruolo in quel momento”.

E di Burlando (governatore ligure, ndr) cosa pensa?

“Mi chiedo come mai si è accorto solo ora che i soldi c’erano e si dovevano usare. Se ne accorge solo ora? Se si devono dare delle colpe si diano a chi è lì da più tempo”.

Ascolta l’audio dell’intera puntata