Angelina Jolie. La famiglia prima di tutto, il cinema è meno importante

Pubblicato il 29 Giugno 2010 17:58 | Ultimo aggiornamento: 30 Giugno 2010 0:16

Angelina Jolie

Angelina Jolie ha cominciato la campagna pubblcitaria per il suo nuovo film-thriller ”Salt” con un’intervista di copertina sul numero di Agosto di Vanity Fair che uscirà a New York e Los Angeles domani 30 giugno, a quanto riferisce The Huffington Post. La bella attrice parla dei suoi bambini, di avere altri bambini e del suo compagno Brad Pitt. Quanto alla barba che si è fatto crescere l’attore, la Jolie ha la risposta pronta: ”Amo Brad in qualsiasi modo”. Ecco i punti salienti dell’intervista:

Matrimonio:
Non è contro il matrimonio, ma con Brad ”è come se fossimo sposati. I bambini sono chiaramente un impegno, un impegno più grande del matrimonio. E per tutta la vita.

Altri bambini:
”No, non sono incinta”, dice la Jolie sul set del film ”The Tourist” a Venezia, dove si è svolta l’intervista. ”Non siamo contrari, ma vogliamo essere sicuri di poter dare a ciascuno dei figli che abbiamo un trattamento speciale. Vogliamo essere sicuri di non costruire una famiglia tanto grande da non poter dare a ciascuno di loro il meglio di noi stessi”.

I suoi figli:
”Mad è un vero intellettuale, che non ha certo preso da me. Va benissimo a scuola e pensa che potrebbe diventare uno scrittore. Zahara ha una voce straordinaria. Shiloh è divertentissimo. Knox e Viv sono i classici boy and girl.  Lei è molto femminile, lui si sente un vero uomo.

Brad e i figli:
”Dico sempre a Brad che mi è debitore. Ha trascorso mesi ina una delle più belle città del mondo con i ragazzi. Ha un temperamento artistico, visita musei e adora essere in un posto così pieno di cultura”.

Ci sarà un seguito di Mr. & Mrs. Smith?
Abbiamo chiesto in giro se qualcuno poteva immaginare un seguito, ma nessuno è venuto fuori con qualcosa di originale. Niente di interessante”.

Girare ancora un film con Brad:
”Mi piacerebbe molto e ne abbiamo parlato. Ma dovremmo trovare qualcuno che pensi ai ragazzi, e poi trovare qualcosa di veramente interessante. E poi io non credo che il pubblico voglia vedere in un film una coppia che sta davvero insieme”.

Recitare:
”Non è la cosa più importante della mia vita. Recitare mi ha aiutata a crescere, a viaggiare, a capirer la vita, ad esprimermi. E’ un lusso, come trovarmi oggi a Venezia. Ma non credo che reciterò ancora a lungo. Ho una famiglia felice. Per esempio ieri sera sono tornata a casa e tutti suonavano o ballavano ed anch’io mi sono improvvisamente trovata a ballare con loro”.